Aïvanhov: Pensiero del 5 settembre

«La bellezza, il fascino, le qualità morali o intellettuali … Ognuno crede di sapere ciò che ama in un certo uomo o in una certa donna. In realtà, ciascuno ama soltanto l’Unico, il Creatore che ha fatto gli esseri così come sono. Non ingannatevi, è Lui che voi amate attraverso tutte le creature. Più il Divino si manifesta in esse come bontà, saggezza, bellezza, intelligenza, forza, più voi le amate.
Non potrete dunque mai trovare la pienezza e la gioia perfetta se, nell’essere che amate, non cercate, al di là, una realtà più vasta, più ricca. Ben presto lo avrete esaminato sotto tutti gli aspetti e vi annoierete, sarete delusi. Andrete allora alla ricerca di un altro amore, ma ben presto proverete ancora la medesima noia, la medesima delusione. E tutti gli sforzi che potrete fare non cambieranno nulla: finché non cercherete di vedere la Divinità in colui o in colei che amate, non conoscerete la pienezza, perché avrete sbagliato strada».

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Fonte: http://www.liberamenteservo.com/o-m-aivanhov-pensiero-del-giorno-5-settembre/

   Invia l'articolo in formato PDF   

Una risposta a “Aïvanhov: Pensiero del 5 settembre”

  1. Son Silvia, ciao. Conosco per sommi capi il pensiero di questo importante maestro, e la sua profezia che studio spesso peraltro. Concordo con lui se non riusciamo a trovare in noi stessi quella scintilla, non potremo mai essere soddisfatti. Ciò che di buono è in noi arriva da Lui, secondo il mio modesto parere. Amare se stessi, non in senso narcisistico, ma profondamente, porta poi ad amare altri ed a trovare qualcuno di speciale con cui camminare insieme verso l’infinito.
    Alla prossima.

I commenti sono chiusi.