AL SUD … PRIMA DELL’ UNITA’ D’ITALIA

http://altrarealta.blogspot.it/
Fonte: http://altrarealta.blogspot.it/2016/05/al-sud-prima-dell-unita-ditalia.html
   Invia l'articolo in formato PDF   

Una risposta a “AL SUD … PRIMA DELL’ UNITA’ D’ITALIA”

  1. Povia é male informato, gliel’ho scritto anche nella sua pagina fb. Prima dell’intervento dei garibaldini al Sud c’era già maretta ed inoltre tra i garibaldini c’erano anche meridionali…. e allora come la mettiamo? Povia vuole fare il paladino delle ingiustizie, ma si lascia un po manipolare da quanti sputano sull’unità d’Italia.

    Allora un conto é rendere omaggio alle VITTIME che ci sono SEMPRE in occasioni di scontri violenti ed un’altro é parlare a vanvera per creare nuovo odio, come un po stanno facendo i meridionali nei confronti del nord, dicono [lo scrittore Pino Aprile ad esempio] che a scuola è stato imposto di studiare Garibaldi come a un eroe, ma Garibaldi si é fatto portavoce di uno scontento che esisteva già, come si può leggere dalle date qui sotto, le cose non andavano bene da molto prima del 1861 [voglio vedere se i francesi criticano Napoleone tanto per fare un esempio].

    https://it.wikipedia.org/wiki/Storia_della_Sicilia_borbonica

    In tutta la storia del pianeta, quando ci sono dei disordini, dello scontento, poi c’é sempre qualcuno che interviene, ora a distanza di circa 300 anni, qualcuno vorrebbe mettere in discussione l’Unità d’Italia, a che scopo? Se le cose non hanno funzionato non é colpa certamente di Garibaldi, qualcuno dice che Cavour aveva altre idee, ma é morto prima di poter finire il suo lavoro, tra l’altro era stato scomunicato, e Ricasoli che gli é succeduto sembra che non abbia terminato il lavoro di Cavour e per questo poi le cose non sono andate bene nel sud e nel resto d’Italia.

    La mania dell’attuale periodo storico di tutti contro tutti proprio non riesco a digerirlo, non siamo in grado di capire bene il presente e di decidere per il meglio e pretendiamo di riesaminare il passato senza nemmeno fare un po di ricerche e senza considerare che in ogni caso non saremo mai in grado di capire i sentimenti o i pensieri o le idee che possono avere determinato certe scelte del passato, anche perché le parole stesse cambiano di significato col trascorrere del tempo.

I commenti sono chiusi.