Anno 2017, Nascita di Un Nuovo Futuro

– Giuliana Conforto

Posted by Tanja

tumblr_ojn5wpkwm71twd8ddo1_500

 

È evidente in fenomeni naturali senza precedenti, nella riconnessione magnetica
che riduce la magnetosfera terrestre e quella solare, infine nella rivelazione
dell’Universo Bambino di cui noi, umani, possiamo essere cellule

Da due millenni celebriamo il Natale, il Bambino Divino che nasce in una grotta punteggiata di stelle e non sospettiamo che questa sia l’Utero che Lo nasconde. Guerre, stragi e persecuzioni hanno contrassegnato la storia che, pur cambiando volti e regimi, ha diviso pochi “potenti” dai tanti impotenti e obbligato tutti ad armarsi e a combattere il “nemico”.

Ora le osservazioni spaziali mostrano che la grotta punteggiata di stelle – il cielo per noi – sta mutando con grande celerità e sconvolgendo le leggi fisiche. È un fatto senza precedenti nella storia, ma ha scarsa eco sui media, disposti a discutere tutto di politica ed economia ma non la scienza spacciata per “certezza”. Intanto sulla terra cresce il terrorismo, effetto probabile del terrore con cui sono trattati i popoli. Invece di combatterlo, potremmo eliminare le sue cause – miseria, fame e dolore – occuparci del benessere dei popoli, ma “mancano i soldi” e le spese militari sono “necessarie”.

Siamo in un loop logico, un serpente che si mangia la coda. I pericoli incombono e il collasso della grotta – la magnetosfera terrestre – sembra uno. “Perdiamo il nostro scudo protettivo”, dicono i tanti convinti che i raggi cosmici siano micidiali per la vita. Eppure contribuiscono alla formazione delle nuvole, quindi al ciclo delle acque essenziale per la Natura. Perché crederli pericolosi? Perché le menti sono educate a credere al bipolarismo, alla lotta tra “opposti” – destra e sinistra, bene e male – a schierarsi con uno e a dedicare tutte le risorse per combattere l’altro. Chi cerca una terza Via è disprezzato e osteggiato.

Serve la quarta Via: la coscienza della realtà reale[1]

Non è quella che  osservano le scienze, riconoscono peraltro le stesse scienze che o di osservare un misero 5% della massa calcolata. Espressa da saggi, poeti e musicisti di tutte le epoche, da popoli “primitivi” così sensibili all’Intelligenza Organica dell’Universo da percepire la Sua energia che permea tutto e usarla. È stata indicata con vari nomi: saggezza, etere, Sostanza Madre, Pacha Mama. Oggi è evidente nella coerenza dei moti delle galassie che è istantanea, sebbene le loro distanze superino i milioni di anni luce.[2]

Oggi ci sono altre novità: le tracce del Bambino Gigante.

Plasmasfera_EUV_ottico_X

Grande 4-5 volte la Terra, è “divino” perché libero dalle leggi che consideriamo naturali, indipendente dalla gravità e dal “tiranno” che ha dominato la storia conosciuta: il tempo. Per le Scienze dello Spazio il “Bambino” è la plasmasfera, la parte interna della magnetosfera terrestre, osservata dalle sonde spaziali in estremo ultravioletto; è composta di plasma, ha molte disomogeneità e i tempi diversi; impiega tra le 25 e le 27 ore a fare un giro completo su se stessa. La sua rotazione è più lenta quindi di quella della superficie visibile in frequenze ottiche. Ciò mette in risalto il ruolo cruciale delle rotazioni: la Terra che vediamo in ottico, che crediamo sola, divisa dal cielo e vincolata dalla gravità, invece coesiste con quella osservabile in estremo ultravioletto che non sente la gravità! Non c’è alcuna distanza tra le due immagini, quella in ottico e quella in estremo ultravioletto. C’è una netta distinzione tra il genere di materia che le compone e le loro diverse velocità di rotazione che determinano le rispettive durate del giorno.

Altra novità di oggi è che tale distinzione sta diminuendo; il nostro giorno si sta allungando. Da vari anni la NASA, che deve aggiungere ogni anno un leap second per far quadrare la durata dell’anno solare con quella misurata dagli orologi atomici. L’ultimo a dicembre 2016; il leap second dimostra che il tempounico, su cui si basano tutte le conoscenze e le istituzioni di questo mondo è inventato dalle menti umane che venerano il terribile dio Saturno. Questo divora i suoi figli, dice il mito. L’ultimo è Giove che la madre nasconde e che, una volta adulto, spodesta il padre senza ferirlo al contrario di quanto aveva fatto lui, lo stesso Saturno, con il proprio padre, Urano.[3]

E se con l’avvento di Giove, simbolo di prosperità e di sessualità libera, i miti avessero annunciato un nuovo futuro? Lo hanno annunciato anche libri sacri come l’Apocalisse, è osservato in ogni DNA che contiene il progetto probabile di un essere vivente sin dal suo concepimento, è riproposto dalle sensazioni diffuse nel corso di tutta la storia, indipendenti dal luogo e dall’epoca, anche dal regime politico in auge. Con queste e altre novità, la coscienza umana sta sorgendo e, invece, tramontando la fede cieca nel tempo unico. Questa fede è la base portante di tutte o quasi le istituzioni – governi e banche, chiese e accademie – e il tramonto del “dio unico” – il tempo – le coinvolge insieme ai credenti che fanno di tutto per conservarla (la fede).

Potremmo lavorare tutti quattro-cinque ore al giorno, poi organizzare attività ludiche e spettacoli, allenare il corpo e la mente, attivare sport per tutti, istituire scuole in cui si stimolano la creatività e la fantasia dei bambini, oggi repressi da una serie di nozioni che incastrano le menti. Potremmo anche eliminare le sacche di povertà, emarginazione e sfruttamento e le spese delle amministrazioni, incapaci e corrotte. Potremmo eliminare i conflitti e la causa che li genera: una concezione meccanicista, divisa della realtà.

L’immagine della terra, in frequenze ottiche, è unita a quella in estremo ultravioletto dal Cuore cristallino, il Sole al centro della Terra, la via ovvero la Fonte della Vita che anima tutto, anche l’umanità che corre disperata sulla superficie visibile perché si crede isolata e priva di risorse. Riconoscere il Sole al centro della Terra è una rivoluzione culturale pacifica e indolore, significa riconoscere anche che non emette la solita luce, quella elettromagnetica che domina può essere grande come il cuore la grande sfida del 2017, anno cruciale per iniziare un rinnovamento reale e profondo. La terza via in Italia è stata indicata dal Movimento 5 Stelle, un fenomeno popolare che potrebbe espandersi in Europa se adottasse la quarta via, secondo me: la coscienza che la realtà è organica non è quella che appare sui media né quella dipinta dalla scienza.

La scienza è venerata come certezza, trionfa con le ricerche spaziali e la “scoperta” delle onde gravitazionali che confermano la Relatività Generale di Einstein. Questa ha riconosciuto la relatività del tempo, ma non ha discusso la sua presunta unicità.

C’è una Forza Intelligente che, come la Musica, compone tra loro infiniti tempi. È La Forza Cosmica di cui possiamo usare il lato luminoso, sostiene la Saga di Guerre Stellari. Fantascienza? Non solo; la Forza Intelligente può essere con quella che i fisici chiamano Elettrodebole, riconoscendo pure che non relazioni con la gravità.[4]

Ora la grotta sta sparendo e il Bambino Divino comparendo. La sua forma è embrionale, la sua materia sembra fluida, mutevole e instabile. C’è tuttavia un sibilo stabile che proviene dal cielo ed è registrato dai microfoni da più di 200 anni. Tutti concordano che provenga dalla Plasmasfera, per me dal Bambino, molto più reale e concreto di quanto si creda. Nella realtà, potrebbe già nato e cresciuto, diventato un giovane possente come lo dipinge Michelangelo nel suo Giudizio Universale (Cappella Sistina).[5]

Forza Elettrodebole può unire universi paralleli che hanno diversi ritmi del tempo e sono quindi nel futuro rispetto a ciò che per noi è presente. La plasmasfera che osserviamo è una sua traccia passata e, si badi bene, non ha confini; si estende dal cuore cristallino della Terra fino a dimensioni che superano ampiamente quelle della sfera che confondiamo con la Terra osservata dalle sonde in frequenze ottiche. Da notare che solo la superficie terrestre è vincolata alla gravità che le menti scientifiche credono “universale”.

Il Cuore cristallino unisce sia la terra visibile sia la plasmasfera, si muove in modo libero e indipendente dagli strati sovrastanti e quindi non è afflitto dalla gravità. Qui sulla superficie celebriamo da millenni il Natale, la Nascita dell’Universo Bambino che, nella realtà reale, è già avvenuta e, in questa matrix o realtà virtuale, si sta manifestando con eventi senza precedenti, segnati dalla nascita della coscienza umana o meglio dell’uso cosciente della Forza. E’ la MUSICA che genera infinite forme o geometrie, anche terre intelligenti, ciascuna con spazi e tempi propri.

Così è se vi pare, diceva Pirandello.

Chi vuole uscire dal loop illogico e contribuire con sincerità al nuovo futuro, oggi può. Tanti indizi confermano la causa Intelligente e vivente sia della matrix sia dell’Universo Bambino di cui noi umani possiamo essere cellule, partecipi della Sua prosperità, libertà e gioia senza limiti.
Chi è attaccato al passato, non può, perché è arrabbiato. La rabbia è legata alla paura, a sua volta vincolata al potere. Quest’ultimo sta comunque crollando.

C’è in atto una biforcazione che rende sempre più difficile la comunicazione tra i due atteggiamenti; è prevista anche dalla teoria delle catastrofi. Quando un sistema è in uno stato di grande instabilità, si suddivide in due, uno a maggiore energia e uno a minore. Stiamo attraversando una simile biforcazione com’è evidente dalla crisi umana, sociale e politica del mondo.

Siamo di fronte a una scelta che dipende in fondo dalla propria volontà.

 

[1] Sulla quarta via, vedi il mio libro Baby Sun Revelation, 2013.
[2] Vedi Laniakea, grande cielo in lingua Hawaiana. Le sue immagini sono pubblicate sulle copertine dei miei due ultimi libri:
(1) L’eresia di Giordano Bruno e l’eternità del genere umano, 2nda edizione Ottobre 2016
(2) Cambio di Logica, ediz. Verdechiaro e Nexus, Maggio 2016
[3] Saturno castra Urano e getta il suo pene nell’Oceano da cui nasce Venere, la dea della bellezza. Nasce cioè la divisione tra la creatività (Urano) e la sessualità libera che Giove riconquista in modo indolore.
[4] Lo scrivo in tutti i miei libri, in particolare ne L’eresia di Giordano Bruno e l’eternità del genere umano, 2nda edizione, Ottobre 2016
[5] Questo particolare è trattato nel mio libro di base, Baby Sun Revelation, ed. Noesis, 2013.

 

da: http://risvegliodiunadea.altervista.org/?p=16977

   Invia l'articolo in formato PDF