Articolo 321- La “pompa di movimento”

L’attuale situazione della coscienza dei Sapiens è ben lontana dall’equilibrio mostrato nell’articolo precedente.
La rappresentazione delle due coscienze, nel simbolismo orientale, rappresentato da quella divisione in due coscienze uguali, come mostra il disegno,


è funzionale allo scopo primario della ricerca compiuta a quelle latitudini: trascendere l’IO…
Non è lo scopo di “dodicesima.com”, il cui scopo, invece, della trascendenza dell’Io, è quello di manifestare un “nuovo mondo”, un uomo nuovo.
La trappola della trascendenza dell’IO è quel che è: una trappola!
Nonostante la grandezza della ricerca compiuta da grandi uomini come Patanjali, Aurobindo et altri, essi sono poco comunicativi alle nostre latitudini.
Questione di “memorie cromosomiche” e della differenza dell’acqua.
Anche considerando di studiarne le pratiche meditative, di praticarle seguendo le loro istruzioni, il risultato sarà diverso!
La linea di sangue condiziona in maniera importante le credenze.
Ma c’è un aspetto particolare: la pompa di movimento!
Niente può rimanere immobile in questa illusione che definiamo “realtà”, il movimento infinito del “Principio Vitale” fa sì che l’Io-mentale agisca scimmiottando, copiando, cercando di emulare nel suo “mondo mentale”, il mondo del “principio Vitale”.
Un copione, cioè uno che copia, non ha la conoscenza e la comprensione necessaria per svolgere il compito che gli viene assegnato.
Una volta “mangiata la mela”, una volta divisosi dalla Coscienza Unitaria, per scelta, si è subito scontrato con la sua stessa scelta.
E’ stata una decisione sbagliata? No, la scelta della divisione è solo una scelta, se non fosse stata “reversibile”, non avrebbe potuto essere fatta.
Quindi la “divisione della coscienza originaria” in due coscienze, principale e secondaria, è reversibile?
In un mondo di opposti, ogni azione è possibile in virtù del suo stesso opposto, cioè può esistere solo grazie all’esistenza del suo opposto, per questo la divisione è reversibile, perchè parimenti esiste le ri-unione.
La comprensione che “dodicesima.com” cerca di promuovere presso chi ricerca è questa, ed è basata su un assunto: che la cosa che anima la divisione, animi anche la ri-unione.
In altre parole “ciò che anima” l’IO-mentale anima anche la seconda coscienza e allo stesso tempo anima anche la coscienza unita.
Posso dire che l’atto divisore attuato dall’ IO-mentale è stato una “pompa di movimento” indispensabile per la nascita del mondo mentale!


Questo è lo stato attuale della divisione.
Ovviamente più l’Io-mentale predomina, minori sono le “possibilità di movimento”.
Ora se lo schema che vedete nella figura, quella a sinistra nel disegno disegno, rimane fisso, ogni movimento cessa, e si ha la trascendenza dell’Io-mentale.
E’ una “non” operazione, nel senso che nella sua pressochè totale incomprensione, qualsiasi ignorante ha in memoria il modo di trascendere l’Io-mentale: la morte fisica.

Inoltre è una “non” operazione per il fatto che essa è priva di emulazione, cioè porta alla venerazione del maestro ma, contemporaneamente, al riconoscimento che è una via “per pochi”.
L’era dei maestri e dei segreti è giunta al termine, l’esempio, così come è stato fornito, ha portato alla delega, cioè al “fallo tu per noi”…

GV 14,12-13
12 In verità, in verità vi dico: anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre. 13 Qualunque cosa chiederete nel nome mio, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. 14 Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò.

E’ scritta male, dà adito a fraintendimenti; quali?
“Chi crede in me” non significa credere in Gesù, significa credere di poter ri-unire le due coscienze; quando l’avrà fatto “compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi”, perchè la coscienza originaria, quella indivisa, può ascoltare la radio divina.

Guardate queste immagini:


  Poi ve lo spiego meglio…

       
Fonte: https://sites.google.com/site/wwwdodicesima/testimonianze/archivio-articoli/articolo-321–la-pompa-di-movimento

 

   Invia l'articolo in formato PDF