Creatività, un modo per attuarla con SuddhaPrana

Care/i Sorelle e Fratelli, 12-h19.15 animation-satellite-ir-france 2016-03-10 42869_1_1 2016-03-10 __076768___1 2016-03-10 __076773___img1 2016-03-11 42886_1_1 2016-03-11 42889_1_1 2016-03-11 __076824___ECM1_216 2016-03-11 __076825___img1 2016-03-12 42899_1_1 42875_1_1Amiche ed Amici, Lettrici e Lettori, ho provato in vari modi far comprendere l’effettiva capacità di ognuno in quella che viene chiamata creatività.
Ho copiato articoli vari in tal direzione, ho anche scritto qualcosa basato sulle mie individuali esperienze, ma sembra proprio che non ci si creda e non venga applicato.
Ora se la “prendono con il sud.ita, qui non ce la fanno, nonostante abbiamo allentato la protezione e questo è anche il motivo per cui tutto intorno succede di tutto ed è anche il motivo per cui si vede una cosiddetta alta pressione che si espande molto in largo ed in contemporanea c’è sempre qualche “saccatura” o “goccia fredda” ed altro, che sempre punta in questa zona.
Ora prego ascoltate bene questa cosa: intenzione, motivazione, scopo, visualizzazione, utilizzo del Prana, ferma fiducia o convinzione totale, distacco dal risultato in spirito di offerta compassionevole, il tutto in armonia con regole universali, permette quella creatività citata.
Mi rincresce per quanto succede intorno od al sud.ita, ma non possiamo e non dobbiamo proteggere il mondo intero da certi eventi senza che ci sia una presa di consapevolezza del Sé profondo, che permette la propria creatività sul piano fisico.
Ognuno deve prendersi la propria responsabilità, che in rapporto ad essa, a quanto il Cuore vibra di Compassione, al distacco dal risultato ed altro come accennato, è possibile “creare” la situazione desiderata.
Se un assetato nel deserto, quando trova l’acqua, non beve, allora forse non aveva così grande sete, non so se rendo l’idea.
Ecco allora che in mancanza di quella sete sincera, arrivano eventi che la rafforzano.
Può anche essere bello pensare che siamo parti di Dio o che , come qualcuno afferma, siamo Dio, ma se poi non si riesce a manifestare nel fisico quel concetto, quanto potrà durare?, risultato, frustrazione.
Individualmente preferisco pensare che Dio sia la causa originale di tutte le cause, che da Lui tutti e tutto emana, come i raggi del Sole, che è infinitamente attraente, che con le Sue Benedizioni ogni cosa diventa possibile allo scopo di servirlo, che il servizio a Lui rivolto va a Beneficio di tutti gli Esseri di tutti gli universi e molto altro ancora ed ecco che funziona.
Certo, dire che Compassione ed altro fa funzionare la creatività, potrebbe sembrare semplicistico ed ingenuo, ma quando tali risorse od energie, o concetti, sono interiorizzati, vissuti, allora diventa perfino facile.
Siamo Dio?, allora dimostriamolo, altrimenti conviene abbandonare quell’idea ed in tutta umiltà fare ciò che è possibile per una gocciolina che siamo, ma che con la Sua approvazione e supporto energetico, ogni cosa diventa possibile, purché in armonia con i Suoi “piani”.
Ho esposto una mia convinzione, un modo di concepire certe cose, ora se lo desiderate, fate le Vostre riflessioni, ma che sia in un modo od in un altro, prego, accendete quella luce ed il buio scompare.
Con sincero intento di offrire qualcosa di utile,
siate Armonia Divina, come dentro così fuori e così è.
NuvolHarì

   Invia l'articolo in formato PDF