I MISERABILI

miserabili

Miserabilità mentale

Di Franco Remondina  (dodicesima.com)

Fantasmagorico!

Se fai 2 ore a settimana e ti pagano con dei voucher, per l’ISTAT sei un “OCCUPATO”.

Con questo governo del PD siamo arrivati a: la negazione della realtà PER LEGGE.  Se basta un lavoretto di 1 ora mensile, pagata con voucher, per innalzare le statistiche dell’occupazione, significa una sola cosa: abbiamo dei MISERABILI MENTALI nella società.

Quanto è diffusa questa miserbilità mentale?

Dipende…

Nei giovani è preponderante!

I giovani laureati sono l’emblema di questa miserabilità. Forse non è politicamente corretto dirlo, ma è come stanno le cose.

In cosa consiste questa miserabilità? Ve lo spiego subito: hai studiato, studiato, studiato, studiato…. hai conseguito la laurea… “E adesso?”

La laurea come “fine” e non come mezzo! Una volta che hai la laurea, deve essere il sistema a occuparsi di te! E’ questo l’incipit della miserabilità!

Se il sistema comincia trasversalmente a suggerirti di andare all’estero, con induzioni di marketing tipo “la fuga dei cervelli”, il giovane miserrimo trae questa conclusione: se fuggo, ho un cervello, anzi, sono un cervello”.

Questi “cervelloni”, sono al 78% di sinistra! Statistiche docet.

Oltre ai “cervelli(???) in fuga”, altre categorie sociali soffrono di “miserabilità”….

I preti, i più miserabili di tutti, sono diventati preti per vocazione.

Significherebbe che nella loro coscienza hanno una “voce” che gli parla, li esorta, li sprona, li conduce verso quel cammino di perfezione… Minchia Johnny… quella voce ipotetica deve essere di qualcos’altro perché, non so voi, ma, quelli che conosco io sono di una tale bassezza morale che mi dà il voltastomaco.

Ti impartiscono l’assoluzione dei peccati, la comunione con quelle mani sudaticcie e dal colorito malato di chi ha un fegato ingrossato dalla rabbia e dall’invidia…

Poi, ci sono i miserabili dell’informazione, i giornalisti.

Inutile che vi dimostri la loro miserabilità, basta che guardate un talk-show su LA7 per 10 minuti e li riconoscerete, o sulla Rai… o sulle reti di Piersilvio, che, grazie alla sua guida, stanno precipitando negli utili…

Sfortunatamente sono i miserabili mentali a mettersi in politica, a guidare le aziende, a finire nella giustizia?

A questa domanda dovete essere voi a rispondere…

Fonte: http://www.iconicon.it/blog/2016/06/miserabili/

   Invia l'articolo in formato PDF