Il 6 Giorno della “9 Onda espansa”

Il 6 Giorno della “9 Onda espansa”

Nel computo della 9 Onda, la frequenza di cambiamento è accelerata, ogni 18 giorni (così dal 2011). La 9 Onda porta la Coscienza d’Unità. L’8 Onda (iniziata nel 1999) ha invece una frequenza di cambiamento ogni 360 giorni (pensiero analogico, olismo).

Il nuovo periodo di 234 giorni (13X18) che inizia oggi e che nella fase 2011-2019 può essere visto come il 6 Giorno (cioè l’11° periodo, 4 agosto 2017-25 marzo 2018), è associato, nella metafora dal seme al frutto, alla creazione del fiore, cioè ad una nuova sintesi (ancora temporanea, perché il fiore dovrà passare da una fase di decomposizione per diventare frutto).

Considerando che ogni livello dei nove che compongono la piramide a base tun (360 giorni, anno profetico) è 20 volte più veloce del precedente, nel National Underworld (6 Onda) il 6 Giorno (829-1223) ha visto in Italia la nascita e l’espansione dei Comuni, quindi una nuova mentalità creativa dopo i “secoli bui” e le invasioni del periodo precedente di 394 anni. Nel Planetary Underworld (7 Onda) il 6 Giorno (1952-1972) è stato il periodo della ripresa economica e dei “figli dei fiori”, dopo la distruzione del periodo precedente di quasi 20 anni (1933-52).

La cosa che credo sia più importante ora, dopo le difficoltà dei mesi passati, che hanno certamente portato ad un maggior discernimento e alla caduta di quei veli (che sono sempre i nostri, anche se li vediamo negli altri) che non servono più, è immaginare attraverso il Cuore, il sentire profondo, l’umanità, una Terra della grazia, in cui viga l’onore e la forza della legge naturale, la vera educazione, la prosperità per le persone pure e una profonda riflessione per quelle identificate con le strutture gerarchiche derivanti dai filtri collegati ai livelli precedenti l’attuale 9 livello di Coscienza, dal quale deriveranno tutti i cambiamenti anche di tipo materiale e produttivo.

Fonte: http://coscienza-universale.blogspot.it/2017/08/il-6-giorno-della-9-onda-espansa.html
   Invia l'articolo in formato PDF