ILLUMINATO

ILLUMINATO
di Osho
(mistico indiano)

Una delle cose fondamentali, che non solo tu, ma tutti devono ricordare è questa: qualsiasi cosa tu incontri nel tuo viaggio interiore, tu non sei quella cosa.
Tu sei colui che ne è testimone: può essere il nulla, può essere la beatitudine, può essere il silenzio.
Ma una cosa va ricordata: per quanto bello e ammaliante possa essere ciò che incontri, tu non sei quell’esperienza.

Tu sei colui che sperimenta, e se prosegui senza fermarti mai, il culmine del tuo viaggio sarà il punto in cui non ci sarà esperienza alcuna: né il silenzio, né la beatitudine, né il nulla.
Non esiste nulla in quanto oggetto di fronte a te, solo la tua soggettività.
Lo specchio è vuoto.
Non riflette più nulla.
Sei tu.

Perfino i più grandi viaggiatori del mondo interiore sono rimasti intrappolati in esperienze meravigliose, e si sono identificati con esse pensando: “Ho trovato me stesso”.
Si sono fermati prima di arrivare allo stadio finale, là dove ogni esperienza scompare.
L’illuminazione non è un’esperienza.
È uno stato dell’essere in cui tu sei lasciato assolutamente solo, senza nulla da conoscere.

Nessun oggetto, per quanto bello, è presente.
Solo in quel momento la tua consapevolezza, non più impedita da alcun oggetto, opera una svolta e torna alla fonte.
Diventa un’auto-realizzazione.
Diventa illuminazione.

(da: “La meditazione prima e ultima libertà”)

   Invia l'articolo in formato PDF