Imparare a lasciar andare per poter ricevere

A volte lasciar andare non è necessariamente un addio né un sacrificio, ma
un “grazie” per tutto quello che abbiamo imparato. Significa abbandonare ciò
che non può essere, per permetterci di essere più liberi ed autentici, e
prepararci a ricevere ciò che arriverà.

Se ci pensiamo per qualche minuto, ci renderemo conto che le migliori
decisioni, quelle a cui seguono istanti di grata felicità, arrivano dopo
aver lasciato qualcosa che non ci faceva stare bene. Potrebbe trattarsi di
una paura, un’angoscia, delle distanze o anche una persona. La rinuncia fa
parte della vita, è una cosa naturale, perché tutti siamo obbligati a
scegliere in cosa e su chi investire il nostro tempo e i nostri sforzi.

Lascio andare, mi fido e sono riconoscete, perché bisogna lasciar andare ciò
che non vuole rimanere, ciò che pesa, ciò che è falso… Per permettere al
nostro cuore di trattenere ciò che è autentico.
Una cosa da tenere in considerazione è che lasciar andare, in sé, non
implica solo tagliare i legami che impediscono la crescita personale e la
felicità. Lasciar andare significa, a volte, liberarsi e dover poi
riformulare i propri costrutti psicologici come, per esempio, l’ego, il
rancore o la paura e la solitudine.

Perché chi vuole ricevere, dev’essere preparato a far sua quella nobiltà
d’animo che non conosce né egoismo né tormente interiori.

L’ambizione e la necessità di accumulare

Nella società attuale abbiamo associato la conquista di certe cose all’idea
di felicità. “Sarò felice quando farò quel viaggio, quando avrò un partner,
quando avrò una casa tutta mia, quando mi aumenteranno lo stipendio, quando
avrò una macchina nuova, un telefono nuovo, quando perderò qualche chilo,
quando uscirà la nuova stagione della mia serie preferita…”.

Compriamo continuamente libri per imparare ad essere felici mentre
aspettiamo che le cose cambino, mentre speriamo che, in qualche momento,
tutto ciò che abbiamo accumulato ci offra la risposta che speravamo.
Frédéric Beigbeder, un famoso scrittore francese, una volta disse che nel
mondo dell’editoria nessuno desidera che le persone siano felici.
Semplicemente perché le persone felici “non consumano”.

La felicità è qualcosa che la società moderna ci vende come un’illusione,
qualcosa che dev’essere breve ed effimero, per obbligarci in questo modo a
consumare di più. Da questo deriva l’obsolescenza programmata degli apparati
elettronici, l’idea che, per essere felici, bisogna essere attraenti e
vestire in un determinato modo, avere molti amici e cercare l’amore ideale
nei siti di incontri, in cui le relazioni possono avere inizio oggi e
terminare domani, con un solo “click”.

Abbiamo creato un mondo in cui valori come l’ambizione e l’anticonformismo
patologico ci allontanano completamente dal vero senso della felicità.
Viviamo pensando continuamente a ciò che ci manca, senza renderci conto di
tutto ciò che, in realtà, abbiamo in eccesso. Tutto ciò che dovremmo lasciar
andare per trovare il nostro equilibrio, per essere noi stessi.

Per essere felici, bisogna prendere delle decisioni e… Lasciar andare

La vita è troppo breve per essere vissuta perennemente frustrati. Per questo
motivo, e se davvero desideriamo essere felici, dobbiamo essere capaci di
prendere delle decisioni, di sapere su chi e in cosa investire il nostro
tempo. Ebbene, come avrete intuito, decidere implica spesso rinunciare, un
esercizio che dovrà essere fatto in modo cosciente e maturo, assumendosene
le conseguenze.

La vita è un eterno lasciar andare, perché solo quando avremo le mani vuote,
saremo in grado di ricevere.
Per aiutarvi nel complesso cammino della rinuncia e dell’arte del lasciar
andare, vale la pena ricordare che, secondo la filosofia buddista, la
felicità non è altro che uno stato mentale di calma e benessere. Prestate
attenzione a tutto ciò che vi avvolge, per capire cosa vi offre serenità e
cosa fa solo rumore, cosa e chi nutre la vostra anima con rispetto e cosa o
chi causa la tempesta anche nei giorni più soleggiati. Scegliete, fidatevi
del vostro istinto e, semplicemente, lasciate andare.

Un altro aspetto importante da ricordare è che chi ha il coraggio di lasciar
andare deve anche essere degno di ricevere. Per questo, vale la pena
riflette per qualche istante sulle seguenti dimensioni:

Dobbiamo rinunciare alla nostra necessità di controllo sugli altri. È
necessario essere e lasciar essere. Chi reclama la libertà personale per
crescere, deve, allo stesso modo, essere capace di offrirla.
Rinunciate alla necessità di avere sempre ragione. Ammettere i propri errori
significa crescere e saper tacere nei momenti che richiedono saggezza.
Lasciate da parte il vostro ego, liberatevi dalla necessità di
impressionare, di dover competere, di richiamare l’attenzione quando nessuno
vi sta osservando, di accontentarvi di qualsiasi compagnia solo perché
temete la solitudine. Lasciate da parte la paura e permettetevi di essere
autentici, di essere voi stessi, quella persona tanto capace di dare, quanto
di ricevere.
Per concludere, in questa complessa, ma appassionante lotta quotidiana per
essere felici tutti noi dovremmo praticare il salutare esercizio di lasciar
andare ciò che ci pesa, amare ciò che abbiamo ed essere riconoscenti per
tutte le cose positive che, senza dubbio, arriveranno.

Di: Valeria Tiziano

[email protected]

   Invia l'articolo in formato PDF   

Una risposta a “Imparare a lasciar andare per poter ricevere”

  1. A volte l’unico modo per ritrovarsi è dirsi addio…
    Come soleva ripetere Bruce Lee:
    ogni giorno qualcosa in meno ed ogni giorno qualcosa in più.
    Per poter proseguire nel nuovo lasciare è un’azione essenziale, buon cammino a tutti da Silvia.

I commenti sono chiusi.