LA ZOMBIZZAZIONE COLLETTIVA

Le tecniche della zombizzazione possono essere molto diverse e prevedere:

– Di togliere la capacità di distinguere l’informazione
– Di togliere la voglia di studiare
– Di spingere a studiare l’informazione inutile che non porta alla comprensione dell’essenza, non contribuisce all’evoluzione dell’anima
– Di insediare il tipo di pensiero frammentario, quando un individuo non è consapevole del quadro integro del mondo, non afferra le connessioni tra i pezzetti del mosaico.
– Di formare nella coscienza dell’individuo gli stereotipi di polarizzazione (male/bene) di tipo confessionale o di branco.
– Di imporre i cliché dei contrari (religione-scienza; materia-spirito; bene-male ecc).
– Di costringere a scegliere tra gli stereotipi di polarizzazione e i cliché dei contrari. Oppure di prendere la posizione di un combattente (secondo lo schema divide et impera)
– Di scegliere la negazione della spiritualità e delle fonti di sapere trascendentali, non fondate sul materialismo.
– Di scegliere il cammino strettamente religioso con il rifiuto delle fonti in contraddizione con la propria confessione; il tipo di comportamento idealistico e religioso.

Le caratteristiche di uno “zombie” (riguarda la sfera dell’informazione):

– sceglie tra “il bene e il male”, “la materia e lo spirito”, “la scienza e la religione”.
– non distingue l’informazione, non sa scegliere tra le diversi fonti.
– accetta le conoscenze soltanto da quelle fonti che gli sono personalmente simpatiche, rifiuta a priori quelle fonti che considera antipatiche.
– analizza il mondo secondo lo schema “rifiuto o accettazione”, senza “lo ammetto” (è il pensiero binario (si/no).
– rifiuta le conoscenze al di fuori della propria sfera della coscienza, preferisce una zona di confort personale e non rischia.
– crede alle autorità riconosciute, le segue.
– non possiede i propri punti di vista, usa i punti di vista comuni.
– trae le conseguenze in base alle opinioni altrui e costruisce il proprio modello del mondo in base alle opinioni autorevoli.
– non sperimenta di persona, usa i concetti pronti.
– è predisposto a discutere o a negate le correnti/idee/fonti che non ha studiato né sperimentato.

In generale, è un tipo che viene definito come “imitatore ripetitivo”.

Secondo i dati di alcuni psicologi, le persone davvero creative rappresentano 1%, il 10% sono capaci di generare ogni tanto le proprie idee, il 70% …. sono perduti (non sono collegati alla noosfera, scollegati dal proprio subconscio…), e il 20% sono “curabili”.
In sostanza: per ogni 100 persone nasce una sola persona che pensa e crea, 10-20 persone generano qualche volte all’anno le proprie idee , e il resto dell’umanità imita e opera secondo gli schemi e i cliché pronti.

Olga Samarina‎  LA RADIONICA ESOTERICO-SCIENTIFICA RUSSA FB

http://altrarealta.blogspot.it/

http://altrarealta.blogspot.it/2015/12/la-zombizzazione-collettiva.html
   Invia l'articolo in formato PDF