Lasciate che la presenza di Dio vi intenerisca

di Yoganandaji

“Lasciate che ogni giorno la presenza di Dio vi intenerisca di più…”

(di Paramhansa Yogananda, Corso di Yogoda, 1930)

Durante la giornata invocate Dio di colmare con il Suo Potere il tempio
della vostra coscienza. Lasciate che ogni azione che fate ed ogni parola che
pronunciate sia intrisa ed ebbra dell’amore di Dio. Parlate ed agite come un
uomo che mantiene i suoi sensi desti e sotto controllo.

Siate ebbri di Dio e lasciate che ogni azione della vostra vita quotidiana
sia come un tempio eretto in memoria di Dio. Svolgete ogni azione per
compiacere Lui; e nell’indistruttibile santuario della vostra devozione Dio
ascolterà ogni pensiero.

Prima di addormentarvi, portate il vostro amore per Dio nel profondo del
vostro cuore e, là, cullatelo in modo che, quando dormite, possiate sognare
Lui, mentre si riposa sul fragrante altare del sonno, nella forma di
Krishna, o Cristo, o come pace o beatitudine. Nel tempio del sonno, o del
sogno, percepite Dio come pace, o come sempre nuova beatitudine.

In realtà, Dio vi tiene stretti sul suo petto, avvolgendovi nella pace e
nella gioia, quando vi addormentate nella camera del subconscio, o nel
vostro tempio dei sogni.

Allora, dormirete al sicuro tra le Sue braccia di pace. Così, prima di
addormentarvi, sappiate che andate ad abbracciare Lui, nel sonno e nei
sogni.

E quando state dormendo, o meditando profondamente, sentite che Lui vi sta
abbracciando nella Beatitudine Onnipresente.

La Grande Onnipresenza vi tocca nel sonno e nella meditazione e, attraverso
il suo tocco dell’ estasi, vuole farvi dimenticare i vostri piccoli pensieri
di sofferenze e di preoccupazioni, i vostri dolori fisici e mentali e le
vostre agonie spirituali, che accumulate durante il vostro vagabondare nei
vicoli della materia.

Erigete la pace e la gioia, sul trono del vostro cuore. Percepite quella
gioia, nulla importa chi incontrate, o quello che fate. Se potete fare
questo, nonostante l’universo vada in frantumi e la vostra anima, o il corpo
siano tormentati dalle prove, troverete Lui che danza nei vostri pensieri
per l’eternità. Lasciate che la pura gioia danzi nella vostra mente e Dio
danzerà con voi.

Tenete stretto il vostro tesoro spirituale di gioia, un tempo perduto. Ora
che é stato riconquistato, fatelo crescere, donandolo agli altri liberamente
e investendolo generosamente nei cuori degli altri.

Ricordate: tutto ciò che egoisticamente tratteniamo per noi stessi é
perduto, ma tutto ciò che diamo liberamente agli altri con amore, non può
essere perso e produce un sempre più abbondante raccolto di felicità.

Le preoccupazioni e l’egoismo sono come banditi sulle strade della vita e ci
trattengono e ci derubano della nostra ricchezza di gioia e di pace.

Decidete, dunque, di aggrapparvi con forza alla gioia; nulla importa se la
morte vi aspetti con viso minaccioso alla vostra porta, o la vostra mente
subcosciente vi dica “tutto è perduto”.

Soffocate tutti i rumori sconcertanti nella silenziosa, dolce armonia della
vostra perfetta e invincibile gioia.

Fonte: [email protected]

   Invia l'articolo in formato PDF