E’ il momento in cui possiamo agire. L’universo ci sostiene

Oggi, per variare un po’, ho deciso di pescare tre carte anziché una dal Tarocchi di Osho. Il risultato è stato abbastanza simpatico, perché sulle solite 78 carte sono uscite solo arcani maggiori. Dunque, miei cari – non servivo certo io per saperlo – ma posso dire che questo periodo sta portando veramente evoluzioni macroscopiche nella coscienza di ognuno di noi.

Chi ancora non se ne accorge o si sente bloccato, vista la prima carta che ho estratto – Il Matto – può provare a fare tutto ciò che non  pensava mai di poter fare. Questo è un periodo in cui si può osare, anzi, azzarderei, si deve osare. Il sole splende come tutti i giorni dell’anno e come gli anni passati, apparentemente, ma a livello energetico le giornate che si presentano sono ricche di possibili cambi di direzioni, crocevia di scelte improbabili e inattese, palcoscenico di spettacoli improvvisati e…questa volta ben riusciti.

il-matto Tarocchi OshoIl Matto è colui che ha fiducia, sempre, qualsiasi cosa accada, egli continua ad avere fiducia. Sembra folle in questo darsi senza riserve alla vita e agli altri, eppure, mentre il mondo inizialmente abusa di lui, egli cresce e diventa sempre più inattaccabile.

Avete mai pensato al perché siamo pieni di paure? Una risposta potrebbe essere quella che non andiamo mai a verificare che cosa si nasconde dentro queste stesse paure. Se avessimo paura del buio e ci addentrassimo nell’oscurità, cosa accadrebbe? E’ probabile che i nostri occhi, piano piano, dopo lo sconforto e la disperazione iniziale, comincerebbero a VEDERE. E, da quel momento in avanti, ci renderemmo conto che quell’oscurità non era spaventosa di per sé, ma eravamo noi ad attribuirle qualità nefaste e sconvolgenti.

Se avete paura di un rifiuto, andategli incontro, sperimentatelo quante più volte potete fin quando sentirete che il rifiuto non vi turba più. Se temete la staticità, fermatevi, rimanete in questo stato di immobilismo che vi terrorizza quanto una depressione prolungata e stateci fino in fondo, fin quando la staticità avrà percorso il suo tragitto e avrà scandito il suo tempo e…spontaneamente…lascerà il posto ad altro.

“Un matto è qualcuno che continua ad avere fiducia in contrasto con le sue esperienze. La sua fiducia è incredibile ed è così pura che nessuno la può corrompere. Sii matto nel senso taoista o Zen. Non cercare di creare intorno a te un muro di sapere. Qualsiasi esperienza ti coinvolga, lascia che accada, poi lasciala andare. Continua senza posa a ripulire la mente, rimani nel presente come se fossi un infante. ” (Osho)

“In questo momento il matto ha il sostegno dell’universo per fare un balzo nell’ignoto. Nel fiume della vita lo attendono avventure su avventure. Se hai fiducia nella tua intuizione del qui ed ora non puoi sbagliare. Le tue azioni possono sembrare sciocche agli altri, o perfino a te, se cerchi di analizzarle con la mente razionale. Ma lo zero che il Matto occupa all’interno della numerazione è il numero che non ha numero, in cui la fiducia e l’innocenza sono le guide e non lo scetticismo e le esperienze fatte in passato.” (Ma Deva Padma – disegnatrice del mazzo).

I Tarocchi Zen di Osho

Oggi possiamo osare, anime stupende, ma per osare è necessario fare quel balzo nell’ignoto, ognuno nel proprio. Quel coraggio che noi imprimiamo ad un’azione, fa si che l’universo ci sostenga ancora di più. E qui che interviene la seconda carta, La Giustizia (Il Coraggio, nei Tarocchi di Osho). La Giustizia non è una carta che punisce gli errori, come fosse un angelo addetto al compito, o che porta benessere a chi prima ha sofferto. La Giustizia ci informa che chi semina raccoglie ciò che semina e che adesso è arrivato il momento in cui semina e raccolto saranno più ravvicinati a livello temporale.

Il coraggio che avrete nelle vostre azioni, in sostanza, vi mostrerà subito dove potete arrivare. Quanto più vi lancerete, tanto più volerete. Ma non vi spunteranno le ali, semplicemente scoprirete di averle sempre avute sulla vostra schiena.

Il coraggio Tarocchi Osho“La carta mostra un piccolo fiore selvatico che ha incontrato sulla sua strada verso la luce del giorno rocce e pietre. Circondato da un’aura di luce vivida e dorata, il fiore manifesta la maestà del proprio flebile Sè. privo di vergogna, egli assomiglia al fiore più luminoso. Questo fiore ci mostra la via, in quanto la sua passione per la vita lo conduce fuori dall’oscurità, nella luce.

Sii coraggioso, in modo da crescere nel fiore che sei destinato ad essere.”(Ma Deva Padma)

“Il Seme non può sapere cosa accadrà, poiché non ha mai conosciuto il fiore. E il seme non può neppure credere di avere la potenzialità di diventare un fiore meraviglioso. Il viaggio è lungo ed è di gran lunga più sicuro non affrontarlo mai. Ma il seme possiede un sogno, e va avanti” (Osho)

Nessuno di noi sa cosa sarà domani, tra un anno, tra dieci. Nessuno.

Immaginate allora di essere osservati dall’esterno, dai voi stessi del futuro, o da qualcuno che guarda la vostra vita: il vostro angelo, per esempio, o la vostra guida spirituale, o chiunque vi venga facile immaginare. Chiunque esso sia sa perfettamente che voi siete un fiore in potenza e oggi vi vede tentennare, da semi quali siete. Vi vedere dubitare e sorride perché lui sa che voi, in realtà, diventerete fiori. Ma voi questo non lo sapete e, per andare avanti e diventarlo, dovete solo avere coraggio. Il vostro sbocciare è già accaduto, ma voi ancora vi prendete del tempo per iniziare il viaggio. Guardatevi con gli occhi di chi già vi vede fiori. Immaginiamoci tutti già sbocciati. La vita è il percorso dal seme al fiore. Chi resta seme, non vedrà nessun fiore.

E adesso sposto la lettura su un ambito della vita che per ora è molto denso per tanti di voi: l’amore.

Gli Amanti Tarocchi Osho

L’ultima carta estratta è la carta degli Amanti, poiché questo è l’anno in cui le relazioni stanno compiendo un passo oltre rispetto ai periodi precedenti. Oggi le nostre storie sono diverse da come sarebbero potute essere anni fa, anche le più durature stanno subendo dei grandi cambiamenti che spingono le persone a integrarsi. Non solo l’una con l’altro, ma ognuno con se stessi. Oggi non è più possibile scappare davanti alla solitudine: la stiamo affrontando ogni giorno. Ogni giorno i nostri amori ci stanno facendo confrontare con la paura di rimanere da soli e ci stanno mostrando tutto quello che ancora ci fa stare male nella vita, presentando una – a volte sgradevole – fotografia di che livello abbiamo raggiunto nel nostro cammino dell’evoluzione personale.

E allora, disturbati dalle assenze del partner, o da suoi capricci, o semplicemente dal suo modo di esserci nel mondo, siamo fortunatamente scomodi sulle nostre poltrone. Alziamoci e guardiamo cosa è in disordine dentro di noi.

“Pochissime persone sanno cos’è l’amore. Il novantanove per cento delle persone considera amore la sessualità. Se diventi consapevole, attento, meditativo, allora il sesso può essere trasformato in amore. E se il tuo essere meditativo diviene totale, assoluto, l’amore può essere trasformato in compassione. Il sesso è il seme, l’amore è il fiore, la compassione è la fragranza.

Quando il tuo amore non è solo un desiderio dell’altro, quando il tuo amore non è solo un seme, quando è una condivisione, quando il tuo amore non è l’amore di un mendicante, bensì di un imperatore, quando il tuo amore non chiede qualcosa in cambio, ma è pronto solo a dare – a dare per la pura gioia di dare – allora aggiungi la meditazione e si sprigionerà la fragranza. La compassione è il fenomeno più elevato che ci sia” (Osho)

E forse non occorre che io colleghi il discorso sul seme fatto in precedenza nella carta della Giustizia, con il riferimento al seme fatto adesso. Tutto si collega da sé e dentro ognuno di noi.

E allora, anime stupende, con il sostegno dell’universo, lasciate che l’impossibile si manifesti attraverso le vostre azioni. E vedrete sorgere nella vostra vita l’amore, quello che invade tutto quanto e lascia che la gioia danzi e la scoperta continua si sussegua. Compite la vostra scelta, poiché ogni vostra intuizioni, oggi, è l’intuizione dell’intero universo.

*Se vi sentite in risonanza con il mio modo di leggere i tarocchi in chiave psicologica e spirituale, potete mettervi in contatto con me per una lettura individuale e personalizzata, che svolgo in meditazione. Potete domandarmi qualsiasi informazione mandando un messaggio privato alla mia Pagina Facebook : Psicologia Creativa – Noemi Fiorentino o inviandomi una mail : [email protected] *

Con Amore, Noemi.

Fonte: http://psicologiacreativa.net/e-il-momento-in-cui-possiamo-agire-luniverso-ci-sostiene/

   Invia l'articolo in formato PDF