NON FUNZIONA!

jolie-seno

Di Franco Remondina  (dodicesima.com)

Non c’è nulla da fare: http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/elementiHP/2016/02/23/via-il-seno-per-paura-di-un-tumorein-usa-boom-effetto-jolie_2e0591ce-869a-4ca7-8bba-a51d719b8edb.html

Sapevo che sarebbe andata così…

La massa è massificata! È un discorso lungo, ma deve essere affrontato. Partiamo da alcune domande:

1) La medicina ufficiale, quella scientifica, funziona?

     Risposta: NON FUNZIONA. Non sono io a dirlo, è la Jolie, si fa togliere i seni “preventivamente”. Quindi questo dimostra che la medicina scientifica non funziona, se funzionasse la Jolie, non arriverebbe ad una simile scelta, non trovate?

2) È veramente “scientifica” l’attuale medicina?

    Risposta: NO, non è scientifica. È il ragionamento che lo dice.

3) Esiste ancora il ragionamento?

    No, non esiste più alcun ragionamento:  http://ununiverso.altervista.org/blog/sempre-piu-tonti-prove-scientifiche-che-la-gente-sta-diventando-piu-stupida/

L’introduzione di una sorta di “galateo mentale”, ovvero il politicamente corretto, ha ucciso il ragionamento, lo ha contingentato a tal punto da atrofizzarlo, coadiuvandolo con i social network, con le calcolatrici, i computers i telefonini, gli I-phone etc etc…

Risultato? Un corto circuito del concetto di progresso.

La Jolie si fa togliere i seni perchè, pur essendo “politicamente corretta”, non se la sente di morire per essere cosi corretta.

Il guaio è che essendo un simbolo di quel mondo, induce emulazione e la frittata è fatta.

Ripeto la domanda: l’attuale medicina è scientifica? Risposta: NO.

Dal mio punto di vista essa è qualcosa che fra qualche anno verrà chiamata  “SUPERSTIZIONE”, ecco quello che oggi chiamiamo medicina, i nipoti dei nostri nipoti, la chiameranno superstizione.

Il perchè è presto detto: l’uomo, non è una macchina!

Aver abbracciato questa similtudine, ha trasformato la scienza in superstizione, come è avvenuto? In fin dei conti la chirurgia dei trapianti funziona… Ah si? La chirurgia dei trapianti è esattamente l’apoteosi del fallimento di questa medicina scientifica!

Delle due l’una: o i farmaci sono efficaci e in questo caso la chirurgia non servirebbe e non sarebbe neppure nata (salvo quella di pronto soccorso, riduzione di fratture e suturazione), perchè i farmaci avrebbero risolto il cattivo funzionamento degli organi, oppure, i farmaci sono inefficaci e quindi serve la chirurgia. Facile, elementare Watson…

Non è cosi facile, si vede dall’ atteggiamento compulsivo che le persone hanno adottato mentalmente. Lo si vede nei pronto soccorso…

Il sovraffollamento dei pronto soccorso è la prova certa che socialmente il concetto “uomo=macchina” ha pervaso ad ogni livello la popolazione. 

Domanda: siamo una macchina?

Se la risposta è “si”, ecco che il pronto soccorso diventa l’equivalente di una autofficina…

Se la risposta è “no”, allora forse una speranza c’è.

Il meccanicismo materialista ha inquinato la percezione di quel che sia l’uomo, per sè medesimo, con questa concezione abbiamo aperto il campo alla nostra inutilità cosmica. Il “pensiero”, questa capacità distintiva della specie, viene ormai considerato superfluo, un optional nell’uomo-macchina, cosi hai delegato alla tecnologia la maggior parte delle funzioni: logica, immaginazione, percezione, rappresentazione.

Ma la verità scientifica emerge dai cimiteri: il corpo non reagisce ai farmaci e se ne frega della chirurgia. Quando si esegue una autopsia, il corpo non urla di dolore mentre lo tagliano… Se mancate voi, nessuna cellula si muove più!

La Jolie, come tutti voi, come il vostro medico, pensa che i suoi seni possano avere una volontà propria. Domanda: ce l’hanno?

Cioè, i seni della Jolie di loro spontanea volontà, possono fare un tumore?

I seni, come ogni altro organo-ghiandola, muscolo, osso, non hanno volontà propria tant’è che se voi morite, nessuna cellula si muove più, nemmeno quelle tumorali.

Quindi non sono i seni della Jolie che possono fare il tumore di loro spontanea volontà, così come non sono le analisi a dire come state…

È come state a dire come saranno le analisi.

Quando scrivi queste cose, la maggioranza delle persone non comprende. Ecco, se mai ce ne fosse bisogno, il riscontro scientifico stavolta, che stiamo diventando come le bestie, che stiamo buttando via ciò che ci differenzia da loro. 

Fonte: http://www.iconicon.it/blog/2016/02/funziona/

   Invia l'articolo in formato PDF