OSHO RISPONDE A MADRE TERESA

Nel dicembre del 1980 Madre Teresa scrive a Osho in replica a un suo commento sul premio Nobel conferito. Ecco la risposta di Osho:

Proprio l’altro giorno ho ricevuto una lettera da Madre Teresa. Ciò che ha scritto nella lettera è sincero, ma è privo di senso. Madre Teresa non sa ciò che scrive, perché ragiona in modo meccanico, come un robot. Scrive: “Ho appena saputo del suo discorso. Mi dispiace molto per lei, per ciò che ha detto a proposito del premio Nobel che mi hanno dato e per gli aggettivi che ha usato sul mio conto. La perdono con grande amore”.
Ho apprezzato la lettera, ma lei non ha capito gli aggettivi che ho usato. Se li avesse capiti si sarebbe dispiaciuta per se stessa. Gli aggettivi che ho usato sono: “imbrogliona”, “ciarlatana” e “ipocrita”.
Il premio Nobel viene dato a chi funziona in questa società come un lubrificante, così che le ruote dello sfruttamento e dell’oppressione possano girare senza problemi.
La persona veramente spirituale è ribelle. La società la condanna, invece di premiarla. Gesù è stato condannato come un criminale e Madre Teresa è rispettata come una santa. I ciarlatani vengono sempre lodati dalla società perché sono utili a mantenere lo status quo.
Poco tempo fa c’è stato un disegno di legge al Parlamento indiano sulla libertà di religione. Questa legge avrebbe proibito la conversione a un’altra religione, nel caso non fosse frutto di una libera scelta. Madre Teresa è stata la prima ad opporsi. Ha scritto una lettera ai politici: “Il disegno di legge non deve passare perché va contro tutto il nostro lavoro. Siamo determinati a salvare la gente, e la gente può essere salvata solo se diventa cattolica”. La sua opposizione ha creato molto clamore in tutto il paese. Siccome i politici non volevano perdere i voti dei cristiani, il disegno di legge è stato abbandonato.
Personalmente, io non converto nessuno: sono le persone a venire da me. Io non impartisco catechismo o alcuna dottrina. Io aiuto gli altri a tacere. Il silenzio non è né cristiano né indù né musulmano. Il silenzio è silenzio. Io insegno ad amare, e l’amore non è né cristiano né indù né musulmano. Io insegno ad essere consapevoli, e la consapevolezza non appartiene a nessuno. Per me questa è la vera spiritualità.
Le persone come Madre Teresa sono ipocrite: dicono una cosa ma ne fanno un’altra. Per le cose che le ho detto lei “mi perdona con grande amore”. Per perdonare qualcuno prima devi essere arrabbiato. Si dice che il Buddha non perdonò mai nessuno per la semplice ragione che non si arrabbiò mai. Come si può perdonare senza rabbia? È impossibile. Per cui lei doveva essere arrabbiata. Questo è ciò che io chiamo incoscienza: lei non sa ciò che dice. Quale crimine avrei commesso per essere perdonato? Basta con questa idiozia che i cattolici continuano a perdonare. Non ho commesso alcun peccato, quindi perché mi perdoni? Ribadisco tutti gli aggettivi, e ne aggiungo un paio: è stolta e mediocre.
Se c’è qualcuno ha bisogno di essere perdonato è lei. Dice: io combatto il peccato dell’aborto. Se l’aborto è un peccato, i cattolici ne sono responsabili perché si oppongono ai metodi di controllo delle nascite. È questa la causa di tutti gli aborti, sono loro i responsabili. Per me sono dei grandi criminali. In questo mondo sovrappopolato, dove le persone sono affamate, opporsi ai contraccettivi è imperdonabile. I contraccettivi sono uno dei contributi più significativi della scienza moderna all’umanità, e potrebbero rendere questa terra un paradiso. I cattolici sono criminali, ma il loro crimine è tale che ci vuole grande intelligenza per capirlo.
Dice: “Possa la benedizione di Dio essere con lei e riempire il suo cuore con il suo amore.” Stupidaggini. Io non credo in nessun Dio come persona, quindi non c’è alcun Dio che mi può benedire. Dio è una realizzazione, non è qualcuno da incontrare. È la nostra coscienza purificata.
Lei scrive per mostrare quanto è religiosa, ma tutto ciò che vedo è una persona stolta e mediocre.

Osho

Giuseppe Pili FB

Alessandro Costa (Gimalco75) Google Plus
Fonte: http://altrarealta.blogspot.it/2016/09/osho-risponde-madre-teresa.html

   Invia l'articolo in formato PDF   

2 Risposte a “OSHO RISPONDE A MADRE TERESA”

  1. Ciao Renzo ,ogni tanto mi faccio sentire ma ti leggo tutti i giorni !
    In un paesino antico a un paio di km.da me ci hanno dato dei negozietti
    per l’artigianato e alla fine di agosto è entrata una donna poco più di 50 anni
    ,incuriosita ho chiesto se straniera, mi ha detto che stava in Toscana ma era nata in India ,ho chiesto ,Buddista ? E con mia sorpresa mi ha detto che era Discepola di Osho da quando aveva 18 anni e di averlo conosciuto ,non immagini il mio stupore e le mille domande che ho fatto ,che bella esperienza averla conosciuta ! Con tanta gente
    addormentata intorno è stato un fulmine improvviso , l ho percepito come qualcosa
    di speciale e che niente avviene per caso .., per quando riguarda l’articolo ,condivido in tutto !
    Un caro saluto. Emy

    1. Ciao Emy, sono contento per Te.
      Si dice che quando il Discepolo è pronto, il Maestro arriva, è risonanza.
      Un mio Amico, ultimamente mi racconta del cambio vibrazionale che gli porta incontri non più come prima, paranoici, difficoltosi, mai soddisfatti, ecc.; ora gli arrivano individui seri, che soddisfano le Sue aspettative in buon rapporto tra gentiluomini.
      Che dire, tutto sta cambiando, da una parte si vede il sempre peggio, che si manifesta ormai per ciò che è, dall’altra invece il sempre meglio e continuerà all’infinito.
      Cari saluti.
      Renzo

I commenti sono chiusi.