Da precari stressati a contadini felici

Vivevamo un profondo malessere dovuto alle condizioni lavorative, ai ritmi, allo stress e all’instabilità economica. Sentivamo l’esigenza di trovare un rimedio, una via d’uscita a questa condizione. Poi avevamo bisogno di un progetto che potesse dare un senso alle nostre vite… La storia di Marco e Laura e del loro ritorno alle origini.

Marco Montanari e Laura Castellani, due trentenni dei giorni nostri con tanta volontà e una laurea in tasca… contratti precari, stipendi risicati, orari impossibili e una vita non in linea con le loro aspirazioni. Fino a due anni fa quando, dopo una serie infinita di lavori occasionali e di giornate stressate per tirare a fine mese, hanno deciso di dire addio alla città che li aveva adottati per trasferirsi in campagna e coltivare i loro sogni.

Quando avete deciso di cambiare vita?

Non c’è stato un momento preciso.  La nostra scelta è stata frutto di un percorso determinato da incontri, esperienze, stati d’animo, fatiche e soddisfazioni che negli anni abbiamo vissuto. Siamo sempre stati attivi in movimenti studenteschi ed ecologisti o in comitati cittadini. In questi ambienti abbiamo iniziato a confrontarci con i temi del cibo, dell’agricoltura e dell’utilizzo delle risorse naturali. 

Continua: https://movimentosovrano.blogspot.it/2017/02/da-precari-stressati-contadini-felici.html
   Invia l'articolo in formato PDF