Previsione commentata

Una tra le varie “previsioni”, breve rispetto ad altre, come esempio, per esporre il mio punto di vista, mettendo tra parentesi il mio “sentire”, che potrebbe sembrare bizzarro o folle, da chi ha fiducia nei media.
Ad ognuno le proprie considerazioni.
Ecco la “previsione”.

Stamattina c’è stata un’altra conferma da parte degli elaboratori, (gestori di tecnologie sofisticate) il freddo è diretto in Italia, ((e ti pareva che non fosse così? fosse la prima volta!!!) ma attenzione, sarà spinto da un forte vento che verrà da Nord, (è chiaro che per essere credibile deve arrivare da nord) e varie regioni saranno protette dall’arco alpino ( potrebbe anche sembrare vero, ma c’è altro che non sanno o fingono di non sapere) e Appennino, pertanto vedranno gli effetti del forte calo termico con gradualità. (qualche giorno fa la presentavano in modo molto diversa, tipo brusco calo).
La mitezza infinita dell’infinito semestre (quella calura innaturale della scorsa estate, viene definita mitezza, che semmai è tale a partire dal periodo naturalmente freddo) sta per terminare, ( lo dicono loro, forti dei mezzi disponibili, ma le sorprese no mancheranno, come non mancheranno le loro conseguenti spiegazioni) le future giornate tiepida saranno solo un intermezzo ( causate da cosa?, se vengono previste si conserva prestigio, giusto?) nella stagione fredda, ( la stagione fredda, HAHAHAH, non coincide con il semestre descritto prima, ma potrebbe essere una ulteriore previsione riferita al classico inverno, che però in tal caso non starebbe per finire visto che sta per cominciare, non Vi pare?) perché anche d’Inverno ci possono essere periodi di sole e temperature piacevoli. ( e come no!, così se la causa non è conosciuta, quando previsto la gente accetta senza dubbi).

Inverno novembrino
Il calo termico sarà ritardato dalle Alpi su parte del Nord Italia, (siamo certi che sia quella la causa?), in specie il settore ovest, (certo, la parte che maggiormente cercano di colpire si trova ad est, ma potrebbe anche “succedere” il contrario, solo che bisognerebbe osservare nel corso del tempo) qui il raffreddamento si concretizzerà nei giorni successivi a domenica. Mentre il freddo si sentirà parecchio in montagna, dove sono attese nevicate sino al fondovalle. (e vuoi vedere che sarà ad ovest? e chissà perché poi).
Nel corso di lunedì 23 Novembre sarà soprattutto il Centro Italia e la Sardegna a sentire il primo freddo, ( vuoi vedere che anche stavolta, nevicherà fino in sicilia mentre qui ci sarà ancora una volta un anticiclone delle azzorre?, o magari africano?, cosicché anziché esserci la classica saccatura atlantica, diventerà una saccatura azzorriana od africana o magari un’alta dei balcani, heheh ) mentre la giornata del 24 il freddo irromperà al Sud e la Sicilia. ( ma certo!!!, quando in sicilia è più freddo della pianura padana, ovviamente dipende dalle azzorre od altro, non lo sapevate?, Ve l’hanno detto un sacco di volte).
Lungo la Penisola e le Isole l’aria fredda scorrazzerà portando con se forti venti di burrasca, mare grosso, rovesci di pioggia e grandine, temporali. (ma grandine e temporali, non erano cose tipiche dell’estate?).
In tutto questo contesto ci sono diverse novità, innanzitutto si profila un consistente peggioramento per domenica sulle Venezie, (fatta eccezione per una discretamente piccola o grande zona), dove il nostro modello matematico (modello matematico? od intento) propone neve in pianura. L’aria fredda in arrivo sarà accompagnata da una situazione di Bassa Pressione e da una perturbazione, (come se finora non ci avessero mai provato, nessuno che si accorga che quando le “perturbazioni” arrivano in una certa zona, tendono a svanire?) perciò anche se le Alpi svolgono da barriera naturale ai venti da nord, l’evoluzione sarà parecchio (pervicace, insistente) instabile, e non sono da escludere sorprese anche al Nord Ovest. (se gli rimane tempo ed altro, ma se non riusciranno qui, come al solito saranno altre zone a farne le spese e mi rincresce, ma per evitarlo, dovreste attivarvi).
Infatti, sempre il nostro modello matematico ad alta risoluzione individua neve tra domenica e lunedì sul Piemonte ed entroterra ligure. Buona parte della Lombardia centro meridionale e l’ovest Emilia (certo, come al solito, qui non la spuntano) saranno interessate dal foehn, ma anche da brevi sferzate di instabilità atmosferica, il che vuol dire che non è da escludere qualche temporale con grandine e nevischio.
Più avanti nella previsione dei modelli matematici, quando a metà settimana l’aria fredda si consoliderà al suolo in Val Padana, viene indicato un peggioramento di moderata (moderata da cosa? Non certo dalle loro intenzioni, che chi osserva può vedere che qui non mancano i tentativi, anzi più che in altre zone) intensità sul Nord Italia. Questo potrebbe portare nevicate diffuse non solo sulle basse quote alpine, ma neve bagnata anche in varie aree della Valle Padana occidentale, ed in città come Milano e Torino.
Nella Penisola italiana e le Isole, il picco di raffreddamento è atteso tra domenica sera e martedì, e sarà accompagnato da un’acuta (o accanita) fase di maltempo invernale. I modelli (programmi) matematici di previsione (intenzione) tracciano le prime nevicate della stagione a quote prossime ai 1000 metri in Sardegna, (non sembra almeno strano che da diversi anni, le “perturbazioni”, pur arrivando da nord, vadano infine sempre a colpire zone dei dintorni ed a sud? probabile che qui ci sia un grande e robusto ombrello) ed anche sotto i 1000 metri nell’Italia centrale.
La neve potrebbe comparire in località come L’Aquila, Campobasso e Perugia.
Ci teniamo a sottolineare che questa previsione (questo programma) conferma le tracce di linea di tendenza (di intenzione ma che deve sembrare tendenza causata da leggi naturali) indicate con circa 20 giorni di anticipo. (giusto, così se non va a “buon” fine, era solo una previsione di tendenza, se poi le cose cambiano, beh, è la natura).
Una previsione tracciata dai modelli matematici, non dal sottoscritto, (quindi ognuno se ne lava le mani) non da questo sito che ha solo riportato (e ti pareva che non fosse così?) e svolto un’analisi dei dati meteorologici.
Nonostante ciò, ci teniamo a sottolineare che previsioni a 24 ore, ad oggi non sono ancora una certezza (sono previsioni), perciò tutto quanto descritto sarà da confermare nei prossimi giorni. (meno male).

 

Siate Armonia come dentro così fuori.
NuvolHarì

   Invia l'articolo in formato PDF   

2 Risposte a “Previsione commentata”

  1. Caro Renzo,
    faccio adesso il mio primo commento.
    Sto cercando di leggere tutto e di mettermi in pari, ma la frase scritta qui sopra (“ci teniamo a sottolineare che le previsioni a 24 ore, ad oggi non sono ancora una certezza”) mi riporta indietro negli anni: quando appunto esperti dell’aereonautica spiegavano che le previsioni erano ‘quasi certe’ solo nell’arco delle successive 6 ore, mentre tutte le altre avevano solo probabilità che si realizzassero.
    Solo questa considerazione per ora.
    Grazie per il tuo blog. A presto

  2. Benvenuto Caro Fabrizio, sento che tramite i Tuoi commenti, potrò migliorare il contenuto, grazie alla Tua attenta analisi, pertanto Ti ringrazio.
    A presto

I commenti sono chiusi.