Era considerato dai thailandesi un semi-Dio. Re Bhumibol Adulyadej, Rama IX di Thailandia, nono monarca della dinastia dei Chakri, è morto a 88 anni nel 2016. Molte cose sono state scritte in occasione della sua morte, ma non il fatto che era anche ‘il re delle piogge’.  Bhumibol si dedicò intensamente allo studio e alla ricerca di tecniche artificiali di fabbricazione delle piogge (rainmaking) e donò i suoi fondi privati per lanciare il Royal Rainmaking Project. Nel 2010 la rivista statunitense Forbes stimò in 30 miliardi di dollari il patrimonio personale di Bhumibol, e lo mise al primo posto nella lista dei reali più ricchi al mondo.

Il progetto si è rivelato vincente fin dal primo esperimento nel 1969. Il progetto è stato continuamente aggiornato e sviluppato.

Nel 1999 Sua Maestà scoprì una nuova tecnica per ottenere una maggiore densità delle nuvole e incrementare la quantità delle precipitazioni. Il Re consentiva al Queensland, in Australia, l’uso della sua tecnologia di produzione artificiale delle piogge.

Gli effetti sono le alluvioni record in Thailandia e Queensland?

Tra i premi ricevuti da Sua Maestà c’è una medaglia d’oro con menzione per la Royal Rainmaking, conferita dalla Eureka di Bruxelles del 2001.

Un dettaglio storico:  L’operazione Popeye degli USA (guerra del Vietnam) partiva dalla Thailandia, ma senza informare il governo thailandese circa lo scopo delle missioni (provocare piogge artificiali per distruggere).

Leggi tutto: http://www.nogeoingegneria.com/timeline/storia-del-controllo-climatico/re-bhumibol-adulyadej-di-thailandia-il-re-della-pioggia/