IL SALTO QUANTICO STA SUCCEDENDO ADESSO – Vuoi farlo?

Posted by Tanja

76325_477158178987426_406222698_n.137105007_std

 

Per percepire la perfezione devi staccarti dai tuoi desideri egoici, innalzarti sopra di essi e da quel punto osservare la tua realtà.
Facile a dirlo, comprenderlo, al livello intellettuale.
E’ una cosa logica e credo che nessuno può dire nulla in contrario.
Ma a farlo davvero è un altra storia.
Nostri condizionamenti mentali ed emotivi incorporati dal inizio della nostra esperienza in corpo fisico in stato di completa amnesia di chi siamo, da dove veniamo, perché siamo qui e verso dove stiamo andando, ci stano tenendo sempre in uno stato di allerta, di autodifesa dei pericoli e dolori una volta percepiti, vissuti.
Non dobbiamo sforzarci tanto per immaginare questo stato psicologico. Basta osservare esperienze delle persone che per qualsiasi ragione stano perdendo la memoria o l’hanno perso al improvviso.
Loro vivono in una vita piena di paure che molto spesso si manifesta come rabbia, aggressività o depressione.
Si sentono in pericolo constante, al livello fisico, emotivo ed mentale.
Hanno perso tutto quello che li teneva al sicuro- il ricordo delle loro esperienze.
Unica cosa che gli è rimasta sono istinti.
E istinti non sono altro che le nostre esperienze così dolorose e così spaventose che le abbiamo spinto nel profondo subconscio.
Loro non sanno di che cosa hanno paura, ma agiscono in autodifesa continua.
Con la perdita dei ricordi hanno perso la loro vera forza vitale, hanno perso il loro vero potere.
Dipendono dagli altri e spesso, nella vita, solo agiscono alle azioni di altre persone o eventi.
Loro non agiscono, loro reagiscono.

Loro non creano, loro utilizzano creazione degli altri o le evitano o le criticano o le distruggono.
Tutto intorno a loro vedono attraverso la lente di sicurezza e sopravvivenza fisica o benessere fisico come riflesso del istinto di autoconservazione.
L’Umanità su questo pianeta ha vissuto in questo stato per i millenni.

Ognuno di noi vive in questo stato per i millenni, accumulando enorme quantità di diverse esperienze simili a quelle appena descritte che condizionano al livello subconscio la nostra vita.
Condizionano le nostre scelte e ogni nostra azione.

Se subconscio guida la vita di qualcuno, allora quella persona non è il vero padrone della vita.

Essa agisce in modo inconsapevole delle vere ragioni che la stano motivando.
Ogni psicoterapeuta, ogni psicologo o psichiatra conosce l’importanza del suo lavoro che consiste proprio nel portare subconscio al superficie del conscio.

Se una persona sa perché agisce in un certo modo allora quella persona ha il potere di scegliere la sua azione in modo consapevole.

Se sa che ha il potere di scelta allora essa è libera di autodeterminare la propria vita.
Il risveglio del umanità in corso, ha questo scopo – liberare ogni essere umano dalle azioni subconsce (inconsapevoli) attraverso illuminazione di quelle zone subconsce della sua psiche.
La spiritualità è una cosa molto concreta.

E’ arrivato il momento di accettazione della natura materiale della spiritualità.

La spiritualità non è altro che comprensione della vita stessa e applicazione di quella comprensione nella nostra vita.
Ma comprensione della vita è individuale.
Tutti noi siamo spirituali.

Lo sono anche quelli che giurano che credono solo in quello che cosa vedono e quello che cosa possono toccare, perché anche loro hanno la loro comprensione della vita.
Evoluzione del umanità, così invocata, dai circoli che si sono proclamati “spirituali”, è considerata come un imperativo generale, considerando evoluzione come qualche tipo di elevazione sopra gli altri che non sono evoluti.
Ma solo quel atteggiamento è la prova della limitata natura di loro comprensione del tutto che esiste.

Perché, se esiste è utile ed è necessario.

Nei multiversi infiniti c’è spazio per tutto.

Multiversi sono creati per permettere allo spirito di sperimentare se stesso attraverso diverse forme di manifestazione.

Se qualcuno vuole cambiare lo proprio stato di coscienza per scappare “da questa realtà cosi violenta e buia” (come la descrivono), questo non è diverso da quelli che si affidano alle sostanze stupefacenti per scappare dalla loro vita in un mondo immaginario.

Accettare e prendere la responsabilità per propria vita e viverla in tutte le sue sfaccettature è un compito che si abbiamo presi incarnandoci in questa precisa realtà.

Che tipo di vita abbiamo o avremo dipende dai pensieri, emozioni e parole che stiamo usando o a cui stiamo dando attenzione.
Ogni nostro pensiero, emozione, parola ed azione hanno la loro motivazione che dipende dal livello della consapevolezza raggiunta, dal livello di conoscenza di se stessi.

La motivazione è individuale, come lo è multiverso creato da quelle motivazioni.
L’astrologia è solo uno dei tantissimi strumenti attraverso cui noi possiamo accedere a comprendere le nostre motivazioni.

Conoscere la propria carta natale è come conoscere un foglio in cui scrivono istruzioni per uso della nostra vita, che ci è stato consegnato nel momento della incarnazione.
In che fase della nostra vita ci stiamo trovando ci spiega il rapporto tra le posizioni dei corpi celesti nel momento presente con la posizione di questi corpi nella nostra carta natale.

In astrologia questo rapporto sono chiamati “transiti”.

I transiti possono essere osservati in modo globale (coscienza globale di un certo territorio) o possono essere osservati in modo individuale (coscienza individuale).
La somma di tutte le coscienze individuali è coscienza globale.

Coscienza globale dipende dalla coscienza individuale.

E che cosa ci sta mostrando adesso il quadro astrologico del livello della coscienza globale?
Secondo il mio punto di vista e secondo il mio modo di interpretare “le stelle”, in questo preciso momento stiamo entrando in una zona molto calda dove siamo spinti ad analizzare, elaborare e vedere proprio le motivazioni che stano spingendo le nostre azioni.

Subito dopo la botta delle eclissi in marzo (loro effetti sentiremo fino alle prossime eclissi in settembre) il Saturno è iniziato il suo cammino retrogrado.

Prima di lui lo ha fatto il Giove l’8 gennaio 2016.

E adesso in aprile 2016 il cammino retrogrado stano iniziando il Marte, Plutone e Mercurio.
Vediamo una scheda più chiara.

retrogradi tab 1

La storia dei pianeti retrogradi non finisce in aprile, perchè il Saturno, Marte, Plutone e Mercurio rimangono retrogradi ancora in maggio e Giove è ancora in sua zona ombra.
In giugno al club dei retrogradi si congiunge anche Nettuno, e Urano in Luglio. In generale sentiremo effetto di tutte queste retrogradazioni in modo forte fino quasi al ottobre, e in modo più lieve anche oltre.
Che cosa significa tutto questo.
A parte Mercurio, tutti questi pianeti retrogradi nominati sono i pianeti esterni, sono i pianeti che stimolano la nostra azione verso esterno.

Come ho detto sopra, tutte le nostre azioni sono MOTIVATE da qualcosa dentro di noi.
Comprendere le proprie motivazioni è un passo importantissimo per quelli che vogliono agire in modo consapevole.
La retrogradazione è un effetto ottico che un pianeta sta tornando indietro che nasce dalla diversa velocità di movimento dei pianeti intorno al Sole. Per astrologia è importante perchè diventa veramente la retrogradazione di un simbolo, un cambiamento energetico, e quindi c’è necessità di analisi psicologica, ecc..
Quando a noi, abitanti della Terra, un pianeta si presenta come retrogrado significa che esso arriva molto vicino alla Terra, quindi la sua energia potrebbe o essere più forte, o portare a dei risultati diversi da quelli che di solito ci propongono.. (le zona ombra è fase che segna inizio e fine graduale di quel avvicinamento)
Bisogna, per esempio, tenere conto che i pianeti retrogradi tendono ad agire “contro corrente” nei confronti di quanto da loro ci si aspetta.
E’ un energia che anziché esprimersi all’esterno si esprime all’interno.

Se ritornate lo sguardo alla tabella 1 di sopra, vedrete che queste energie sono iniziate con il

Giove retrogrado.
Quando è diretto Giove dà una forte sintonia con le apparenze esteriori. L’energia è più “popolare” ed accettabile.

Quando Giove è retrogrado, se il vostro obiettivo principale nella vita è di tipo materialistico, probabilmente sentirete che vi manca sempre qualcosa; più materiali ed esteriori sono i vostri obiettivi, più vi sentirete insoddisfatti della vostra vita. Magari si lotta e si fa di tutto per ottenere quello che si desidera, ma fino a che non ci si guarda dentro non si trova mai quello che si sta cercando.

La fede interiore ha delle lacune ed è per questo che in periodo di Giove retrogrado siamo costantemente alla ricerca di qualcosa che dia un senso alla loro vita: quello che cercano è tutto ciò che può elevarli filosoficamente.

Giove R è spesso molto attento alla qualità perché è in grado di vedere al di là delle apparenze.

Giove indica il ruolo che una persona gioca per guadagnarsi l’approvazione altrui. Giove R, invece, non vuole giocare alcun ruolo con nessuno,perché giocare un ruolo è una recita, non la realtà.

Vediamo che cosa significa avere il Giove retrogrado nella propria carta natale, o in che campo della sua vita andrà a rompere le convinzioni prestabiliti durante il transito di Giove retrogrado.

Giove R nelle case 2-6-8 può dare un talento naturale nel guarire gli altri, ma non dà persone che lavorano direttamente nel campo medico. I segni di Terra e lo Scorpione hanno in genere doti di guaritori di natura, anche con gli animali, la natura e addirittura gli oggetti (restauro e riparazioni, specialmente nel campo dell’antiquariato, in 2ª e 4ª casa); hanno una capacità naturale di riportare le cose in vita.

Giove R in 1a casa fa sì che l’individuo si identifichi molto fortemente con tutto ciò che è spirituale, filosofico o che espande l’interiorità, e questo potrebbe limitare il soggetto dal punto di vista finanziario, perché la carriera o le attività svolte nella vita non sono particolarmente attraenti e non sono lo scopo principale della vita. Ci potrebbe addirittura essere una sorta di negligenza nei confronti di tutto ciò che è fisico, dato che questi individui vivono così tanto in una dimensione filosofica. In realtà, dovrebbero cercare di evitare di lasciarsi coinvolgere eccessivamente nei concetti troppo teorici.

Giove R in 3ª e 4ª casa dà capacità e volontà di operare al servizio dei rapporti, stabilendo legami tra le persone. Ad esempio, persone che usano un sacco di energie per cercare di tenere insieme i rapporti, anche altrui, di far andare d’accordo tutti nella famiglia.

Giove R cerca sempre di tornare indietro e ristabilire i legami. Queste persone hanno spesso buone capacità in lavori come il restauro di oggetti e case, anche di edifici; hanno un talento naturale per far rivivere le cose.

Con Giove R in 5ª si occupano molto di un rapporto con un bambino, sempre con lo scopo di ristabilire un rapporto che si era precedentemente rotto. In amore, invece, queste persone spenderanno un sacco di energie per far rivivere in qualche modo una relazione … sempre per “ristabilire” un legame.

Giove R in 7ª vuole un partner che porta una elevazione nella sua vita dal punto di vista filosofico. Quando il rapporto è in crisi, è capace di ristabilire l’armonia. Ci può essere una rottura di fidanzamento. Talento nella consulenza matrimoniale, persone che aiutano le coppie a tornare insieme.

Giove R in 9ª spesso non sa bene in cosa crede, dunque è sempre alla ricerca di qualcosa. Si può aderire ad una particolare religione o filosofia e poi accorgersi che non dà tutte le risposte che si desideravano. Tanti dubbi nella fede, specialmente quando si attraversano periodi difficili. Spesso si torna a scuola da adulti oppure si riprendono corsi di studio ad un livello più alto.

Con Giove in 10ª il soggetto spesso torna allo studio, anche in età avanzata per migliorare la propria posizione professionale.
Significa che dal fine del anno 2016 tutti noi, in qualche modo stiamo rivalutando i nostri valori e stiamo rielaborando argomenti tipo apparire od essere.

Con entrata di Saturno in zona d’ombra e specialmente dal inizio della sua retrogradazione, sta succedendo una cosa molto importante.

Il Saturno è un pianeta limite o se volete di confine, tra i pianeti interni ed esterni del nostro Sistema Solare. Tutti i pianeti esterno dal Saturno sono ritenuti i pianeti collettivi o nella nostra carta natale significano in che modo noi stiamo contribuendo al “destino collettivo”.

Ma, è poco conosciuto che il Saturno presenta un Guardiano dello Salto Quantico della Coscienza, perchè rappresenta il ponte tra i pianeti di ottava minore ed ottava maggiore.

I pianeti personali, che rappresentano aspetti della personalità, sono i pianeti che sono visibili nel cielo.

Saturno forma un confine naturale ai pianeti personali, che è di per sé una simbologia interessante dal momento che Saturno governa i confini e limiti, così come il mondo materiale pratico.

I pianeti esterni (Urano, Nettuno e Plutone) rappresentano le forze di trasformazione – transpersonalizano le nostre esperienze e ci mettono in una maggiore connessione con le leggi universali dello spirito e della metafisica.

I pianeti esterni più comunemente pensati come i pianeti di “ottava superiore” sono Urano, Nettuno e Plutone. Questi pianeti trasformazionali sono associati con i tre pianeti più vicini al Sole: Mercurio (associato con Urano), Venere (associata con Nettuno) e Plutone (associato con Marte).

Dove Mercurio rappresenta la mente e la consapevolezza personale, Urano ci espande verso la consapevolezza di una coscienza più ampia della Mente Universale.

Dove Venere rappresenta l’amore e le relazioni personali, Nettuno ci ispira ad aprire il cuore al Amore Divino e un rapporto con l’Universo stesso.

Dove Marte rappresenta la nostra volontà, passioni e desideri personali, Plutone rappresenta la volontà dei nostri aspetti superiore – ci spinge ad abbandonare ogni pretesa di limitazione e evolverci in nostro Sé più potente.

In questo modello, il Saturn sta alla guardia delle porte per elevazione dall’ottava basso verso l’alta. Il saturno controlla se i confini del mondo materiale sono trascese.

Cerere, la longanimità divinità femminile che è l’ottava superiore della Luna. Cerere si riferisce al nutrimento del corpo, ma anche dell’anima nella sua attenzione per la nostra connessione con Gaia, la terra, elevando il nutrimento del regno emozionale che la Luna sovrintende.

Chiron, l’Anima Guaritore, funge da ponte tra il personale e il transpersonale.

Si tratta di un cane sciolto nel sistema solare – né pianeta né cometa né asteroide, è un corpo unico che ha un posto assolutamente originale nel pantheon astrologico.

Chiron induce le crisi che aiutano a muoversi attraverso la incarnazione e ci aiuta a guarire quello che noi sperimentavamo come le ferite e che creano blocchi nel sistema di spirito -corpo-mente.

Chiron ispira trasformazione, ma non è legato a qualsiasi altra forza di trasformazione.

Avete notato che iniziando da questo mese di aprile si stanno attivando le energie proprio dei pianeti di ottava superiore attraverso la loro retrogradazione?

E come preparazione a questo ciclo abbiamo effetti di Giove retrogrado descritti sopra e il Guardiano Saturno ha iniziato il suo cammino retrogrado.

Saturno retrogrado

Saturno simboleggia le regole e le norme imparate nell’ambiente in cui si è vissuto l’infanzia. Il segno indica gli influssi culturali.

La retrogradazione di Saturno in un tema natale indica che al soggetto, da piccolo, non sono mai state veramente insegnate “le regole”, ossia non gli è mai stato insegnato cosa fare per essere un individuo responsabile, non è stata imposta una disciplina. Ciò non significa necessariamente che l’individuo in questione non sia in qualche modo disciplinato, ma c’è stata comunque una certa vaghezza in merito, di modo che queste persone non sanno mai quando fermarsi, quando dire basta a qualcosa e spesso non hanno idea di cosa sia giusto fare o non fare.

La posizione in cui un individuo ha Saturno R indica il campo in cui ha difficoltà a dire di NO e a stabilire dei confini. Queste persone non sanno identificare questi confini, questi “paletti”, come si direbbe oggi, né per sé né per gli altri; insomma, non si sanno fissare i limiti alle cose.

Saturno R non conosce i propri limiti, a volte l’individuo si auto-confina in una sorta di “recinto”, quando magari avrebbe a disposizione spazi molto più vasti. Altri possono essere invece irresponsabili e pensare di potersi “allargare” e poi si trovano a scontrarsi con i limiti imposti dalla società o dalla legge. Insomma, si tratta di persone che non hanno confini, e questo può rappresentare un vero problema quando nel tema Nettuno o il segno dei Pesci sono forti. (questo succedeva nei mesi scorsi quando avevamo tanti pianeti in transito in pesci)

Le persone che hanno Saturno R di nascita hanno bisogno di imparare a dire di NO e a fissare dei confini alle cose. Devono imparare a capire che cosa ci si aspetta da loro, devono sviluppare un senso ben preciso delle responsabilità, ‘uscire dal guscio’ e definire i propri confini, abbattendo quel muro invisibile che si sono eretti da soli. Ma siccome non sanno fino a che punto possono arrivare prima che la catena li strozzi, questi soggetti possono sviluppare una forte ansia nei confronti delle responsabilità ed avere problemi di responsabilizzazione perché dubitano sempre di sé, di quando possono veramente permettersi di dire “no”.

Saturno R in 1a casa dà caratteristiche molto tipiche del Saturno di prima casa in genere. Innanzitutto, questa posizione spesso indica che il figlio non era desiderato dalla madre quando era incinta. Saturno qui si assume responsabilità che sono di altri per sentirsi desiderato e per stabilire dei legami con gli altri. Saturno diretto può isolarsi e innalzare una serie di barriere per auto-proteggersi, ma quando è retrogrado ci si assume la responsabilità delle cose degli altri per sentirsi desiderati e non si sa più quando dire “no”.

Queste persone non riescono a delimitare il proprio dovere nei confronti degli altri, specie se il Saturno R è nelle case personali (3-4-5-6-7-10-11).

Saturno in 2ª ha l’innata sensazione che “nella vita si ottiene solo ciò per cui si lotta duramente e qualsiasi cosa si vuole ottenere ha bisogno di un duro lavoro”. Sono individui che affermano che i loro genitori avevano lottato molto per dare loro ciò di cui avevano bisogno, dunque avevano adottato essi stessi lo stesso modello filosofico di vita. Le persone con Saturno retrogrado si sentono finanziariamente responsabili per tutti: “Mia mamma si è sacrificata completamente per la famiglia”. Una donna mi ha raccontato che il padre era incapace di risparmiare, cattiva strutturazione saturniana dei confini, la sua ditta è fallita, così lei lavorava sodo per evitare che le succedesse la stessa cosa.

Saturno in 3ª e 4ª casa dà individui che non sanno dire di no ai famigliari. In 3ª, ci possono essere problemi scolastici in giovane età dovuti all’ansia di non sapere quanto ci si deve impegnare. Gli studenti ansiosi spesso hanno problemi di udito e non capiscono bene quello che viene detto loro o fanno errori, ossia hanno così tanta paura di sbagliare che non sentono bene. Quando sono in ansia, poi, si disorientano.

Saturno in 5ª ha problemi a dire di no ai figli, specialmente al primogenito! Molti affermano di essere capaci di dire di no agli altri figli, ma non al primogenito!! Nelle relazioni d’amore queste persone hanno i problemi a dire di no ai propri partner o hanno difficoltà di decidere i “confini della libertà personale, andando dal essere completamente succubi dai desideri degli altri al essere completamente indifferenti ad essi.

Saturno in 6ª e 10ª dà soggetti perfezionisti nel lavoro, anche qui per incapacità a stabilire dei confini. Si tratta spesso di persone che non sanno farsi valere e delle quali sia i superiori che i colleghi approfittano.

Saturno in casa 7ª dà spesso caratteristiche di rapporto genitore-figlio ai rapporti di coppia, ossia l’individui con questa posizione attira partner irresponsabili, di modo che si stabilisce un rapporto come tra genitore e figlio nella coppia che non soddisfa mai appieno nessuno dei due.

Chi ha Saturno in 9ª, specie se R, non dovrebbe mai essere allevato in un ambiente molto religioso… mentre invece è proprio questo che spesso succede! Queste persone si possono perdere nel dogma religioso fino a non sapere più chi sono: hanno bisogno di definire una nuova propria scala di valori.

Certe volte rispecchia un modello famigliare di genitori provenienti da culture o ambienti sociali diversi, come succede spesso anche con Saturno R in 3ª. Qui si osservano molti sensi di colpa e molte paure. Questi ragazzi spesso tornano a scuola più avanti nella vita per recuperare o per approfondire gli studi. C’è sempre una qualche sorta di interruzione negli studi. Si possono avere molti dubbi sui indirizzi di studio.

C’è un atteggiamento di rifiuto o un senso di inadeguatezza in genere proveniente dall’ambiente religioso o filosofico proposto dai genitori o dalla chiesa. Se il soggetto accetta queste mentalità senza metterle in dubbio, si sente in colpa o se ne vergogna; se lo rifiuta, rifiuta Dio.

Saturno nell’11ª casa coincide spesso con soggetti che vengono allevati in un mondo di adulti e che, di conseguenza, non si trovano a proprio agio con i coetanei. Quando questo Saturno è diretto, questi individui sono alla ricerca di uno scopo funzionale in un gruppo per sentire un’appartenenza. Quando invece è Retrogrado, questo Saturno può dare soggetti terrorizzati dai gruppi, anch’essi allevati tra adulti. Saturno diretto si assume la responsabilità nei gruppi, mentre chi ha Saturno R spesso non lo fa perché – dice – si “auto-impone dei limiti”.

Saturno in 12ª dà molte paure in connessione con l’autorità e l’abbandono. Queste persone spesso si isolano e sembrano asociali.

Come vediamo il Saturno ha molato la presa.

Non ci costringe a nulla. Vi ricordate che il Saturno è allineato con il Grande Attrattore (la coscienza collettiva di tutti gli esseri manifestati in tutte le dimensioni e di tutte le realtà manifestate , chiamata anche con il nome Dio)

Siamo liberi di fare quello che cosa vogliamo con quello che cosa sentiamo.

Siamo liberi.

Ci piace questa libertà o ci spaventa?
Siamo ancora bambini che aspettano le regole dagli altri o siamo adulti che creano le regole?
Creando le regole ascolteremo le ottave più basse o quelle più alte?
Tutte queste domande sono quelle che incontreremo nei prossimi mesi scegliendo tra la vita dei creatori consapevoli e la vita ben conosciuta (forse un po modificata).

Per percepire la perfezione devi staccarti dai tuoi desideri egoici, innalzarti sopra di essi e da quel punto osservare la tua realtà.

Tutta questa sincronicità astrale, possiamo descrivere anche come congiura astrale, non vi sembra perfetta?
Nel nostro profondo noi desideriamo fare il salto quantico e le “stelle” ci danno il loro permesso.

Desiderio cosmico

Chi lo farà davvero dipende dalle sfide che riusciremo e vogliamo  superare nei prossimi mesi.

Ma devi iniziare ADESSO.
Se volete sapere che campo della vostra vita sarà tutto influenzato, seguite le istruzioni indicate   in questo articolo . I gradi dove stano iniziando o stano finendo retrogradazioni potete trovare in tabella che si trova sopra.

Di altri pianeti retrogradi leggerete nei prossimi articoli.

Fonte: http://risvegliodiunadea.altervista.org/?p=15710

 

   Invia l'articolo in formato PDF