Scegliere, Coltivare e Proteggere le Relazioni

Come sacerdoti che servono e custodiscono la Divinità nel Tempio, così noi dovremmo farci servitori e custodi delle relazioni che ci hanno permesso di evolvere spiritualmente. Le relazioni spirituali qualificate sono molto più preziose di quelle genitoriali, filiali, matrimoniali. Esse sono il nostro patrimonio più grande.

In contrapposizione ad esse, dall’altra parte, vi sono le relazioni superficiali in cui predominano le attrazioni sensoriali e nelle quali i motivi dello stare assieme sono futili ed egoistici. Le persone si accostano, si mischiano e si separano in tempi rapidissimi, perché non hanno in comune nessun interesse profondo o ideale da perseguire. Queste relazioni sono come costruzioni senza fondamenta. Le persone si frequentano per motivi illusori o banali come la bellezza fisica, il denaro o qualche altro scopo utilitaristico.

Solo chi ha grandi ideali è capace di costruire relazioni profonde.

Fonte: http://www.matsyavatara.com/home/riflessioni/429-scegliere,-coltivare-e-proteggere-le-relazioni.html

   Invia l'articolo in formato PDF