Segnalo: Da Milano il Coemm lancia il suo popolo dei Blog: “I Fari della comunicazione”

Da Milano il Coemm lancia il suo popolo dei Blog: “I Fari della comunicazione”

L’Italia, al 52°posto per la libertà d’informazione, soffocata dai legami tra finanza industria e stampa, avrà sempre difficoltà a comunicare quello che sarebbe il bene ed il giusto per il Paese, troppe le maglie che in pochissimi passaggi riconducono sempre alle stesse persone.

C’è un’Italia che sta incontrandosi in maniera etica e riservata e che senza tanto clamore si è già organizzata in piccoli gruppi di 11 persone, chiamati Clemm (Circoli Locali Etici), in ciascuno degli ottomila Comuni del Bel Paese.
Una piattaforma di quasi 90 mila cittadini che da due anni persegue un obiettivo ambizioso: sconfiggere la povertà e ridare motore all’economia della piccola e media impresa italiana. Ideatore del progetto, il Segretario Generale Maurizio Sarlo, 30 anni di studi e d’esperienza nelle associazioni no profit, nelle fondazioni filantropiche, contatti negli ambienti “che contano” e portavoce di un messaggio che a molti italiani che l’hanno conosciuto, è apparso subito vero: non c’è molto tempo per salvare un’Italia depredata della sua eccellenza industriale ed italiani annientati nella loro vitalità e creatività per una politica economica genocida. Il 2020 segna il punto di non ritorno.

Riunita nei salotti solidali Clemm, questa parte d’Italia che sta aumentando di giorno in giorno la sua massa critica, sta divulgando, a proprie spese ed in totale forma volontaria, un cambio di paradigma: dare vita e concretezza ad un Mondo Migliore, con una scuola, una sanità, un’agricoltura, una politica sociale e di welfare migliore, che, se non fosse che è partita da privati cittadini, sembra più un piano di riqualifcazione che dovrebbe attuare uno Stato. In questo caso, invece, è merito dell’associazione no profit Coemm.

Continua: http://milano.cq24.it/1.55842/cronaca/53/da-milano-il-coemm-lancia-il-suo-popolo-dei-blog-i-fari-della-comunicazione

   Invia l'articolo in formato PDF