Segnalo: I cancerogeni, mortali raggi UVB e UVC stanno bruciando il pianeta

I cancerogeni, mortali raggi UVB e UVC stanno bruciando il pianeta

I raggi UVB sono aumentati di circa il 1400% insieme ai raggi UVC, a causa della distruzione della fascia di ozono. Ecco perché le foreste della California del Nord bruciano da diversi anni. La vita sulla Terra è potuta nascere solo dopo la creazione di questa fascia. L’imminente scomparsa dell’ozonosfera, che ci protegge dai pericolosi e mortali raggi UVB e UVC, può determinare la fine della vita terrestre. La soluzione esiste, ma richiede l’impegno di tutti…

 

L’ozono è un gas composto da tre atomi di ossigeno che svolge l’importante funzione di protezione dalle pericolose radiazioni ultraviolette UV. Lo strato di ozono intorno all’atmosfera terrestre si è formato in milioni di anni per effetto dell’attività delle alghe verdi-azzurre. A questi organismi si deve anche gran parte dell’ossigeno attualmente presente nell’atmosfera. Il grande “tetto” di ozono ha consentito alla vita di lasciare le acque per conquistare le terre emerse senza subire le radiazioni ultraviolette solari. L’evoluzione poi ha fatto il suo cammino fino ad arrivare all’uomo e al mondo che oggi conosciamo. Dallo strato di ozono dipende completamente la nostra stessa vita”.

Nel corso del tempo lo strato di ozono, detto ozonosfera, ha mutato continuamente spessore e forma per cause naturali. Negli ultimi decenni però la concentrazione di ozono nella stratosfera ha cominciato ad assottigliarsi anche per l’effetto di molti pericolosi inquinanti rilasciati in atmosfera dall’uomo. Il mutamento non assume più un andamento graduale ma brusco e repentino. E’ particolarmente grave l’assottigliamento dello strato dell’ozono sopra il Polo Sud, divenuto poi talmente grande da far parlare i mass media di “buco dell’ozono“.

Continua: http://laviadiuscita.net/cancerogeni-mortali-raggi-uvb-e-uvc-stanno-bruciando-il-pianeta/
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Precedente DOSSIER SPIRULINA, L'ALGA CHE SALVERA' IL PIANETA Successivo Oltre la solitudine: l’incontro con l’altro