Segnalo: Washington è in guerra da 16 anni: perché?

Washington è in guerra da 16 anni: perché?

comedonchisciotte-controinformazione-alternativa-iraq-jumbo-v2-660x330DI PAUL CRAIG ROBERTS

paulcraigroberts.org

Sono sedici anni che gli Stati Uniti sono in guerra in Medio Oriente e Nord Africa, spendendo trilioni, commettendo crimini di guerra e mandando milioni di rifugiati in Europa. Contemporaneamente Washington dice di non potersi permettere le obbligazioni di Social Security e Medicare o di non poter finanziare un servizio sanitario nazionale.

Considerando le enormi esigenze che non possono essere soddisfatte a causa del massiccio costo di queste guerre, si potrebbe pensare che il popolo americano si chieda lo scopo di queste. Cosa si sta realizzando a questi enormi costi? Le esigenze domestiche sono trascurate in modo che il complesso militare/sicurezza possa ingrassare sui guadagni di guerra.

La mancanza di curiosità da parte del popolo americano, dei media e del Congresso sullo scopo di queste guerre, fondate interamente su menzogne, è straordinaria. Qual è il motivo di tale incredibile disinteresse per lo spreco di soldi e vite?

Continua: https://ununiverso.it/2017/07/04/washington-e-in-guerra-da-16-anni-perche/

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

2 thoughts on “Segnalo: Washington è in guerra da 16 anni: perché?

  1. silvia il said:

    Il popolo americano non mi pare molto sveglio, son alquanto baccaloni, anzi temo che ami che il governo promuova queste iniziative.
    Quando però tornano i loro figli avvolti dalle bandiere …
    Scrissi una sorta di analisi tempo fa sulla cinematografia americana, essa è emblematica del loro modo di essere e di pensare, ci sono anche i registi controcorrente, non molto amati…
    Son la razza dominante e ne sono pure fieri, come tutte le razze dominanti son malati:
    delirio di onnipotenza.
    Spero che guariscano, prima o poi… tutte le razze dominanti son crollate, Assiro babilonesi, Sumeri, Egizi, Maya, i Romani, i Greci con la loro dualità Sparta ed Atene, pur avendo conoscenze comunque volevano dominare gli altri e si son autodistrutti. Per questo non prendo in considerazione i loro manoscritti, pur leggendoli con interesse antropologico.
    Diversi son gli Etruschi, non volevan dominare, son passati nella storia quasi come ombre…di loro si sa ben poco… Ho un poco esulato dal tema.
    Alla prossima e scusa la lungaggine.

    • Renzo il said:

      Un’Amica che viaggia molto, tempo fà mi raccontò di una grande folla e che seppur da lontano riconobbe un americano ed un israeliano dai loro atteggiamenti arroganti e già questo la dice lunga.
      Possiamo bilanciare con la Nostra centratura in crescendo che espande nell’etere forme pensiero purificanti, poco o tanto che sia.
      Marco Ferrini, in risposta a domande, impiega in genere parecchio tempo, proprio perché molti sono i modi per fraintendere ed occore che nella risposta vengano chiariti, ma le risposte si accorciano di fronte ad Esseri maggiormente evoluti.
      Vedi Gesù, che citava brevemente e che sembra solo ultimamente si comincia a comprenderne il vero senso.
      Ho un poco esulato dal tema.
      Scusa la lungaggine, hahah
      Un bacione.
      Renzo

Lascia un commento