Un’impronta umana di 290 milioni di anni fa?

Credo proprio sia il caso di prendere informazioni dai Veda, i quali affermano che le quattro ère della durata di 4.320.000 si susseguono ininterrottamente per mille volte e che corrispondono a 12 ore di Brahmà, il creatore; dopodichè vi è una distruzione parziale dell’universo ed al mattino Lui crea nuovamente.
I Veda informano inoltre che i dinosauri si manifestano verso la fine del Kali Yuga, l’ultima delle 4 ère, per causa di ciò che fa l’uomo stolto.
In questo Kali Yuga siamo graziati dal Divino che ha stabilito vi fossero 10.000 anni di Satia Yuga all’interno del Kali Yuga, pertanto stavolta niente dinosauri, per il momento, tanto ce ne sono già abbastanza nelle stanze dei “bottoni”.
NuvolHarì

Un’impronta umana di 290 milioni di anni fa?

blogAl primo sguardo quest’impronta non ha nulla di particolare e potrebbe capitare di incontrarne una ovunque sulla Terra, ma questa non è un’impronta normale.

Si può vedere, della sua anatomia, che somiglia al piede di un uomo moderno, ma il problema è che questa impronta è stata fossilizzata e incastonata in una roccia vecchia di 290 milioni di anni. Quindi ci manca una quantità spaventosa di informazioni per spiegare con precisione questa scoperta che provocherà sicuramente dei cambiamenti nella società così come la conosciamo oggi.

La scoperta è stata fatta nel 1987 nello stato del New Mexico, Stati Uniti d’America, dal paleontologo Jerry MacDonald.

Sulla scia di questa misteriosa impronta si trovano fossili di uccelli e altri animali. La scoperta dell’impronta umana ha stupito MacDonald; lui e tutti coloro che hanno tentato di studiare la traccia non sono stati in grado di spiegare come l’impronta di un homo sapiens sapiens moderne potesse trovarsi all’interno di uno strato Permiano che, secondo gli studiosi, si estende tra 290 e 248 milioni di anni fa. Un periodo che si è concluso ben prima che l’uomo o anche gli uccelli o persino i dinosauri sorvolino e calpestino il suolo di questo pianeta …. Naturalmente, tutto questo secondo il pensiero razionale e scientifico nella nostra epoca moderna…

Dovremmo cambiare il nostro modo di pensare e di vedere le cose? O dovremmo accettare il pensiero della scienza moderna che suggerisce che è assolutamente impossibile che un impronta umana risalga a 290 milioni di anni fa. Sembra che ci sia un dibattito tra quelli che credono fermamente che la nostra storia sia falsa e quelli che dimostrano che tutte queste scoperte misteriose sono in realtà dei falsi e non hanno nulla a che fare con la realtà.

Questa impronta vecchia di 290 milioni di anni è stato collocata dai paleontologi nella categoria delle scoperte problematiche perché non capiscono come sarebbe potuto arrivare là. In sostanza, si potrebbe dire che per dimostrare che questa impronta sia effettivamente di 290 milioni di anni fa e non una bufala, bisognerebbe trovare qualcos’altro di simile.
E i ricercatori hanno trovato innumerevoli cose legata a questa impronta in New Mexico.

Tradotto da Catherine
Fonte: ovnisvideos.wordpress.com

Tratto da: crepanelmuro

da: https://ununiverso.it/2016/09/28/unimpronta-umana-di-290-milioni-di-anni-fa/

   Invia l'articolo in formato PDF